Come acquistare Bitcoin.

Come acquistare Bitcoin (BTC): una guida passo per passo

Prima di comprare Bitcoin, informati sulla criptovaluta più famosa al mondo e dei relativi rischi. Fatti un’idea di come usarli e delle eventuali tasse applicabili in questo articolo.

12' di lettura

Il Bitcoin è stata la primissima criptovaluta, e tuttora è la più famosa. C’è chi dice che sarà il futuro della finanza, mentre per altri è una bolla che sta per scoppiare. Questa forma di denaro digitale decentralizzato e peer-to-peer è sempre più conosciuta e molte persone stanno imparando come acquistare Bitcoin e far fronte alle sue continue fluttuazioni di prezzo.

Se vuoi immergerti nel mondo dei Bitcoin, sei nel posto giusto. Ma prima di correre ad acquistarli, è importante capire che cosa sono esattamente. In questa guida rivedremo alcuni dei concetti finanziari alla base di criptovalute come Bitcoin e ti forniremo le informazioni di base che potranno esserti utili se vorrai effettuare il tuo primo acquisto.

Carta virtuale N26

Richiedi una carta virtuale aggiuntiva gratis con tutti i conti N26 premium.
Scopri di più la carta virtuale N26
Carta virtuale indicata su uno smartphone e una carta di debito dietro.

Cosa devi sapere prima di acquistare Bitcoin

Prima di comprare il tuo primo Bitcoin, devi conoscerne i concetti di base. 

Il Bitcoin è una criptovaluta, altrimenti detta criptomoneta. Le criptovalute sono una forma di valuta digitale che garantisce la sicurezza delle transazioni tramite la crittografia. Grazie alle tecniche crittografiche non sono necessarie banche o altre “terze parti centrali” preposte alla gestione delle transazioni.

Il Bitcoin è stata la prima criptovaluta a promettere una “versione puramente peer-to-peer di denaro elettronico” e ha introdotto molti concetti all’avanguardia che ora sono alla base di un numero sempre maggiore di monete digitali. Quello più importante è forse la promessa di Bitcoin di creare un sistema finanziario decentralizzato che sia veloce, trasparente e non dipenda dalla gestione di istituti finanziari come le banche. 

Hai bisogno di ulteriori chiarimenti? Prima di addentrarci ulteriormente nell’argomento, diamo allora un’occhiata ad alcuni punti chiave per capire meglio i Bitcoin e le criptovalute. 

  1. I Bitcoin non sono una moneta fisica, bensì un tipo di token digitale che può essere inviato telematicamente attraverso una rete di pagamento digitale decentralizzata.
  2. A differenza della moneta legale (ovvero valute emesse dalle banche centrali, come i dollari americani o gli euro), i Bitcoin non sono messi in circolazione da un’autorità regolatrice centrale. Il valore di molte criptovalute, compreso il Bitcoin, non è intrinseco, ma si basa su domanda e offerta. 
  3. Esiste una quantità limitata di Bitcoin. La “domanda” di Bitcoin è generata dal numero finito di token disponibili, che è stato limitato a 21 milioni. Nel caso di altre criptovalute, invece, l’offerta è illimitata.
  4. I Bitcoin si basano sulla tecnologia blockchain. Una blockchain è un tipo di registro digitale che archivia le informazioni sulle transazioni in modo sicuro. La blockchain dei Bitcoin è decentralizzata, cioè dipende da una rete peer-to-peer di computer in tutto il mondo per la verifica delle transazioni.
  5. Esistono migliaia di tipi di criptovalute. Il Bitcoin è quella più conosciuta e più importante. Da ottobre 2013 a giugno 2021, il suo valore è aumentato di quasi il 30.000%.

Come acquistare Bitcoin in 5 passaggi: 

Dopo aver compreso i concetti alla base del funzionamento delle criptovalute, cerchiamo di capire come comprare Bitcoin passo dopo passo. 

Innanzitutto è necessario acquisire familiarità con le nozioni fondamentali relative ai Bitcoin, decidere cosa fare di questi ultimi una volta acquistati e informarsi sulla normativa fiscale in materia di criptovalute in vigore nel luogo in cui vivi. Alcuni hanno saltato l’ultimo passaggio, il che gli è costato un occhio della testa in termini di tasse non pagate. Impara dagli errori degli altri! 

A tal proposito, ecco 5 passaggi da seguire per acquistare Bitcoin. Cominciamo con un po’ di informazioni.

1. Fai ricerche sui Bitcoin e sulle relative tasse

Il primo passaggio per l’acquisto di Bitcoin consiste nel comprenderne la filosofia alla base. 

A gennaio 2009, una persona con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto ha introdotto i Bitcoin e la prima rete blockchain di supporto. Nel suo white paper intitolato “Bitcoin: un sistema di moneta elettronica peer-to-peer”, Nakamoto ha presentato il Bitcoin come un metodo di pagamento online che non prevede l’intermediazione di un istituto finanziario. Quello che ha descritto Nakamoto è stato a dir poco rivoluzionario: un sistema finanziario trasparente che allo stesso tempo garantisce lo svolgimento di singole transazioni in modo sicuro e nel rispetto della privacy.

Poiché i Bitcoin sono stati concepiti proprio per essere decentralizzati, i governi di tutto il mondo hanno faticato a regolamentarli in maniera coerente. Per alcuni, questo aspetto fa dei Bitcoin una criptovaluta attraente. Per altri, invece, rende il futuro dei Bitcoin ancora più incerto.

L’incertezza costituisce un bel problema perché il Bitcoin è un bene molto volatile, soggetto a fluttuazioni di valore con percentuali a due cifre nell’arco di pochi giorni o persino ore: possedere Bitcoin, insomma, non è per i deboli di cuore. Se li compri però in un’ottica a lungo termine, potresti affrontare meglio le fluttuazioni nel breve termine.

Se decidi di acquistare Bitcoin, devi inoltre prendere in considerazione la normativa fiscale in materia di criptovalute vigente nel tuo Paese. Le leggi fiscali variano in base al modo in cui vengono considerate le criptovalute: ad esempio come asset, titoli o valute. In generale, le criptovalute possono essere tassate come reddito, plusvalenza, soggette a IVA o altre tassazioni. Ma prima di procedere all’acquisto, informati sulle politiche fiscali in materia di criptovalute nel tuo Paese e ricordati di tenere traccia di tutte le tue attività legate alle monete digitali. 

2. Scegli un exchange di criptovalute o un servizio di trading

Successivamente devi decidere dove comprare i Bitcoin. Uno dei metodi di acquisto più semplici e conosciuti è costituito dal ricorso a exchange di criptovalute o servizi di trading. Diversi exchange consentono di acquistare le criptovalute in modo diretto, mentre alcuni servizi di trading offrono un’esposizione ai prezzi delle criptovalute senza che sia necessario possederne di proprie. 

Poiché i Bitcoin sono la criptovaluta più famosa al mondo, non dovresti avere problemi a trovarli in qualsiasi exchange di criptovalute o servizio di trading. Ma non tutte le piattaforme sono uguali: molte di esse prevedono commissioni di transazione, procedure di registrazione e termini di servizio differenti. Perciò, prima di procedere all’acquisto di Bitcoin, prenditi del tempo per rivedere i termini e le condizioni della piattaforma scelta. Ricordati inoltre di informarti sulla reputazione di quest’ultima: molte persone sono cadute vittime di piattaforme fraudolente che sembravano valide. La regola generale è quella di usare gli exchange più affermati che hanno una solida reputazione.

Se da un lato gli exchange di criptovalute sono un modo conosciuto per comprare Bitcoin, dall’altro sono disponibili metodi di acquisto alternativi. Torneremo a parlarne un po’ più avanti.

3. Custodisci i tuoi Bitcoin in un wallet sicuro

Dopo aver scelto l’exchange di criptovalute, devi decidere come conservare i tuoi Bitcoin. In generale esistono due opzioni: gli “hot wallet” e i “cold wallet”. 

Gli hot wallet sono connessi a Internet e presenti in formato digitale, mentre i cold wallet sono un pezzo fisico di hardware offline. Ma analizziamo le due opzioni più a fondo.

  • Hot wallet. Ci sono vari modi per aprire un hot wallet. Quello più semplice è usare l’hot wallet offerto dal tuo exchange di criptovalute. Questa soluzione è nota come “hosted wallet” ed è in genere gratuita. Uno dei vantaggi principali degli hosted wallet è che se dimentichi la password, di solito puoi ricorrere a controlli di sicurezza che ti aiutano a recuperarla. Il più grande svantaggio invece è che questi “portafogli” possono essere più vulnerabili agli attacchi hacker. Se questa eventualità ti preoccupa, potresti valutare di aprire un wallet “non-custodial”. Questo tipo di hot wallet non è associato a terze parti (come gli exchange) e soltanto tu puoi accedervi, il che diminuisce il rischio di un attacco. Ma se dovessi perdere o dimenticare la password, sarebbe molto difficile recuperarla e probabilmente i tuoi Bitcoin andrebbero persi!
  • Cold wallet. Se la sicurezza è una priorità per te, il cold wallet può essere la soluzione migliore. I cold wallet (detti anche hardware “wallet”) sono in pratica applicazioni offline o pezzi di hardware che assomigliano a delle chiavette USB. Di solito non si collegano a Internet, perciò sono meno vulnerabili agli attacchi hacker. I cold wallet costano circa 90 €, ma per usarli è necessario trasferirvi i Bitcoin prelevandoli dall’hot wallet originario. Questa operazione può prevedere una piccola commissione. 

Per maggiori informazioni sui diversi tipi di wallet e sul modo in cui archiviano coppie di chiavi private, consulta la nostra guida ai wallet per criptovalute.

4. Ricarica il tuo conto 

Una volta scelti l’exchange e il wallet di criptovalute da usare, occorre versare denaro sul proprio conto. Sostanzialmente devi trasferire moneta legale sull’exchange di criptovalute in modo da ottenere in cambio dei Bitcoin. 

Il metodo di ricarica del conto può cambiare in base all’exchange: fra quelli tradizionali figurano l’invio di denaro tramite PayPal, il bonifico bancario o il pagamento elettronico.

Ricorda che ogni metodo di ricarica può comportare commissioni di transazione diverse. La commissione per versare denaro sul conto tramite pagamento elettronico può essere più alta o più bassa di quella applicata ad esempio da PayPal. Anche i tempi di transazione possono variare in base al metodo di ricarica scelto.

5. Decidi la quantità di Bitcoin da comprare e procedi all’acquisto

A prescindere da come la pensi al riguardo, i Bitcoin sono un asset rischioso da possedere. Quando stabilisci la quantità da acquistare, devi valutare rischi e potenziali guadagni. Se al momento hai dei debiti o se non hai a disposizione un fondo di emergenza, è meglio se ti concentri sulla tua sicurezza finanziaria prima di entrare nel mondo volatile delle criptovalute. Senza un paracadute da aprire in caso di emergenza, potresti rimanere a secco se il valore del Bitcoin dovesse crollare.

È inoltre importante ricordare che se non hai a disposizione (mentre leggi questo articolo) una riserva di 36.000 €, è improbabile che tu riesca ad acquistare un intero Bitcoin. Riuscirai a comprarne solo una frazione. Tuttavia, poiché il Bitcoin è divisibile fino a otto cifre decimali, anche se possiedi una cifra irrisoria come 50 € (circa lo 0,00136% di un Bitcoin) potrai comunque effettuare un acquisto. 

Metodi alternativi per acquistare Bitcoin

Come abbiamo già detto, per comprare Bitcoin esistono vari metodi alternativi, su cui ci soffermeremo ora brevemente. Potresti acquistarli tramite sportelli bancomat (ATM) per Bitcoin, banche tradizionali, broker di criptovalute o con la carta di credito. Ecco come fare. 

Come comprare Bitcoin presso un apposito sportello

L’ATM Bitcoin funziona in modo simile a un normale sportello bancomat, ma può essere usato solo per acquistare o vendere Bitcoin. Ce ne sono oltre 1.200 in tutto il mondo: pertanto devi innanzitutto trovare l’ATM Bitcoin più vicino a te.

Dopo aver trovato un ATM Bitcoin, dovrai rispondere a delle domande di verifica e riceverai normalmente un SMS per confermare il tuo numero di cellulare. Dovrai poi inserire l’indirizzo di destinazione del tuo wallet di Bitcoin, scegliere il metodo di pagamento (generalmente è possibile pagare in contanti o con carta di debito) e specificare la quantità di Bitcoin che desideri acquistare. Una volta completata la procedura, i nuovi Bitcoin saranno accreditati sul tuo wallet in pochi minuti.

Prima di fare qualsiasi operazione su un ATM Bitcoin accertati sempre sulla società che offre il servizio. Inoltre, diffida da chi ti chiede di utilizzare un ATM Bitcoin per inviare denaro sotto forma di criptovalute: si tratta di malintenzionati che vogliono provare a estorcerti del denaro con questo mezzo.

Come acquistare Bitcoin da una banca tradizionale o un broker

Invece di comprare Bitcoin mediante exchange di criptovalute, puoi farlo tramite diverse banche tradizionali o broker di criptovalute.

Il broker di criptovalute è un intermediario che acquista e vende criptovalute a tuo nome in linea con la propria esperienza nel mercato. In cambio delle proprie competenze, i broker fanno pagare di solito una commissione e possono proporre dei prezzi di acquisto e di vendita fissati da loro. Di norma, il wallet di Bitcoin viene gestito interamente dal broker, perciò i tuoi Bitcoin rimangono nelle sue mani a meno che non vengano venduti. Ricorda che non trattandosi al momento di un servizio regolamentato, non c’è un albo certificato di broker di criptovalute. Pertanto, fai particolarmente attenzione a chi affidi il tuo denaro e la gestione del tuo wallet: si tratta di un servizio che può presentare dei rischi particolarmente alti per un principiante.

In alternativa, spesso è possibile collegare il proprio conto corrente a diverse piattaforme di exchange di criptovalute. Puoi quindi inviare denaro tramite la tua banca per comprare Bitcoin su una di queste piattaforme. Tuttavia, la compatibilità della banca dipende dall’exchange di criptovalute, dal tuo Paese e dal tipo di conto che vuoi collegare. 

Come comprare Bitcoin con la carta di credito

Se la tua carta di credito supporta il servizio 3D Secure, hai buone chance di riuscire ad acquistare Bitcoin. Ma questo non vuol dire che è opportuno che tu lo faccia.

In generale, se non hai ancora abbastanza denaro per sostenere questo acquisto, comprare Bitcoin con la tua carta di credito è rischioso perché potrebbe lasciarti in un mare di debiti.

Cosa puoi fare con i Bitcoin dopo averli acquistati?

Dopo aver comprato una certa quantità di Bitcoin, cosa puoi farci? Hai numerose opzioni a disposizione, ad esempio:

  • Non fare niente! Puoi tenerti i Bitcoin con l’idea che il loro valore possa continuare ad aumentare nel tempo. Ricordati però che può anche precipitare con la stessa rapidità.
  • Scambiarli. Puoi scambiare i Bitcoin con moneta legale o altre criptovalute, ma ricorda che questi scambi (come anche detenere bitcoin) possono essere soggetti a tasse.
  • Fare acquisti. L’uso dei Bitcoin per l’acquisto di prodotti e servizi si sta diffondendo sempre di più, anche se l’adozione delle criptovalute come metodo di pagamento è molto lenta. 

Come tenere al sicuro i Bitcoin

I due rischi maggiori a cui sono esposti i Bitcoin sono gli hacker e la tua memoria. Per evitare che i tuoi Bitcoin vengano rubati a seguito di un attacco hacker, valuta la possibilità di utilizzare un wallet di tipo non-custodial o, per una sicurezza ancora maggiore, un cold wallet. Il rischio massimo di hackeraggio si ha quando i Bitcoin vengono conservati in un hot wallet su un exchange di criptovalute, ma puoi ridurre questo rischio trasferendoli su un wallet che non prevede l’accesso di terze parti (wallet di tipo non-custodial, appunto) o che non è collegato a Internet (cold wallet). 

Se opti per il cold wallet, potresti correre il rischio di dimenticare il codice della tua chiave privata di Bitcoin e di non riuscire a recuperarlo. Un modo per ridurre questo rischio è impiegare un cold wallet dotato anche di uno strumento di recupero della chiave.

Come vendere i Bitcoin

Se desideri vendere i tuoi Bitcoin, puoi effettuare un ordine di vendita su un exchange di criptovalute sicuro e affidabile. A questo punto puoi decidere se vendere tutti i tuoi Bitcoin o solo una parte. 

Una volta avvenuta la vendita, il pagamento può arrivarti in lieve ritardo. Non appena ricevi il denaro sul tuo conto dell’exchange, però, puoi trasferirlo sul tuo conto bancario. In alternativa, se non vuoi usare le piattaforme di exchange, puoi anche vendere i Bitcoin tramite un apposito ATM o il trading peer-to-peer.

Vale la pena acquistare Bitcoin?

L’acquisto di Bitcoin comporta dei rischi: il mercato è estremamente volatile e soggetto ad alti e bassi vertiginosi. Ma questo è proprio uno dei motivi per cui attira così tanti acquirenti: c’è una ragione se l’analogia fra il trading di criptovalute e il gioco d’azzardo è così ben documentata! Perciò, se hai intenzione di fare il grande passo, entra in questo mercato con cautela e assicurati prima di godere di una sicurezza economica sufficiente per poter affrontare eventuali grosse perdite.

Come si fa a comprare azioni legate al Bitcoin?

Se ti interessa di più investire in Bitcoin che comprare e accedere direttamente a questa moneta digitale, puoi aprire un conto con un broker di borsa, che gestirà interamente il tuo investimento in azioni legate al Bitcoin.

Come vengono tassati i Bitcoin?

La tassazione dei Bitcoin varia in base al Paese. Prima di acquistarli, è molto importante capire in che modo le criptovalute vengono tassate nel tuo Paese. Molti investitori di criptovalute sono stati colti in fallo per non aver compreso la normativa fiscale e hanno dovuto pagare enormi somme di denaro.

I Bitcoin sono sicuri?

In poche parole, no. I Bitcoin costituiscono un bene volatile. Nel corso degli anni, il loro valore è passato da picchi incredibili a livelli bassissimi nell’arco di pochi giorni. Per mitigare il rischio quando si acquistano criptovalute, il consiglio generale è di non acquistare più di quanto non ci si possa permettere di perdere. Altrimenti è meglio cercare altrove!

Di N26

La banca che ti conquisterà.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...