Volatilità del mercato azionario, vista dal calo dei valori delle azioni.

Cos’è il trading e come funziona: guida completa per principianti

Fare trading va oltre la semplice compravendita di asset. In questa guida completa ti spieghiamo di cosa si tratta e le strategie di trading più diffuse.

7' di lettura

Il settore degli investimenti è un mondo interessante, soprattutto per coloro che vogliono inserirsi all’interno dei mercati per creare una rendita nel tempo o per puntare su asset ad alto potenziale nel lungo periodo.

Tuttavia, molti apprezzano anche il trading, un approccio che permette di speculare sui prezzi anche nel breve o medio termine

Ma cos’è il trading esattamente? Quali sono i suoi benefici rispetto agli investimenti tradizionali?

In questa guida vedremo insieme come funziona il trading e quali sono le strategie più gettonate dagli utenti, valutando anche i rischi correlati a questo tipo di approccio. Iniziamo!

Il tuo conto online

Apri il conto corrente dei tuoi sogni in pochi minuti, direttamente dal tuo smartphone.
Inizia al banking online.

Cos’è il trading: significato e definizione

Prima di capire cos’è il trading e come funziona, è bene introdurre il suo significato e capire quali sono le differenze principali rispetto agli investimenti. 

Solitamente, infatti, un investimento implica l’acquisto di asset e la conservazione nel lungo periodo, con l’obiettivo di creare valore nel tempo.

Lo stesso può essere fatto col trading. Tuttavia, il trading implica un approccio diverso, in quanto l’utente specula sui prezzi nel breve periodo acquistando e vendendo con una certa frequenza.

In genere, l’utente compra a un prezzo più basso con l’obiettivo di rivendere a un prezzo più alto. Quando i prezzi scendono nuovamente, compra per rivendere al successivo rialzo di prezzo, generando profitti in modo graduale.

In altri casi, si può puntare anche al ribasso a seconda della propria strategia, o effettuare acquisti e vendite ricorrenti su base giornaliera o settimanale

Di conseguenza, il trading risulta più dinamico rispetto all’investimento, e consente di esporsi maggiormente ai mercati con l’obiettivo di generare un profitto maggiore, nonostante i rischi possano risultare più elevati.

D’altronde, prima di capire come fare trading bisogna sviluppare diverse competenze, tra cui l’analisi tecnica e l’analisi fondamentale, adattando allo stesso tempo il proprio mindset all’andamento dei mercati. 

Come funziona il trading?

Trattandosi di operazioni all’interno dei mercati finanziari, il trading è connesso alla domanda e all’offerta. Questo significa che, in base agli andamenti di mercato, gli utenti si muoveranno in un certo modo, acquistando e vendendo a prezzi più convenienti con l’obiettivo di ottenere un ritorno economico.

In genere, se ci sono meno acquirenti che venditori, la domanda scende facendo scendere anche il prezzo. Al contrario, se c’è un aumento di domanda da parte degli acquirenti, questo farà salire i prezzi dell’asset.

Chiaramente, il tutto può essere influenzato da trend di mercato, eventi economici di livello mondiale, disastri naturali, scarsità delle materie prime e sviluppi tecnologici. In questo senso, gli utenti possono operare al rialzo o al ribasso, puntando appunto sulla salita o la discesa dei prezzi.

Scopri N26 Spaces

Usa N26 Spaces per organizzare facilmente i tuoi soldi e risparmiare per i tuoi obiettivi.
Scopri i vantaggi di un sottoconto
Diversi spazi N26 per risparmiare denaro.

Gli step da seguire per fare trading

Per capire come fare trading, si possono seguire alcuni step fondamentali, come: 

  • sviluppo di una strategia: l’utente deve innanzitutto studiare i mercati, delineando una strategia volta al raggiungimento dei propri obiettivi;
  • arco temporale: il trading implica lo svolgimento di operazioni all’interno di un arco temporale, che può influenzare lo sviluppo della strategia; 
  • analisi: prima di iniziare a fare trading, l’utente deve analizzare le condizioni di mercato, selezionando l’asset che può soddisfare maggiormente le proprie esigenze cercando di prevedere i prezzi futuri;
  • apertura della posizione: sviluppata la strategia e analizzati i mercati, si può aprire una posizione sull’asset di proprio interesse, decidendo eventualmente se puntare al rialzo o al ribasso e impostando i cosiddetti livelli di presa di profitto (Take Profit) e chiusura della posizione (Stop-Loss);
  • monitoraggio: una volta aperta, la posizione va costantemente monitorata, in modo da prendere profitto o chiuderla, con l’obiettivo ultimo di perdere meno soldi possibili in caso di esito negativo;
  • chiusura della posizione: raggiunti i propri obiettivi, la posizione va chiusa, generalmente al raggiungimento dello Stop-Loss se in perdita e al raggiungimento del Take Profit se in profitto, ovvero i livelli predeterminati all’apertura della posizione; 
  • analisi delle performance: generalmente, una volta chiusa la posizione, i trader esperti analizzano le proprie performance in modo da adattare nuovamente la propria strategia o mettere da parte i profitti in vista di progetti futuri;
  • risk management: la gestione del rischio implica solitamente la diversificazione, la riallocazione dei fondi, il cosiddetto Position Sizing (ovvero la decisione degli importi da dedicare a ogni posizione), e l’impostazione di Stop-Loss e Take Profit, elementi essenziali per ridurre eventuali perdite.

Ricorda che il trading comporta dei rischi e che non tutte le operazioni sono garanzia di profitto. In questo senso, sviluppare una mentalità adatta alla fluttuazione dei prezzi è la chiave per non farsi prendere dalle emozioni rischiando di perdere soldi inutilmente.

Strategie di trading: le più diffuse

Come anticipato, ci sono diversi tipi di trading che possono variare a seconda degli obiettivi, dell’arco temporale e della strategia preferita dagli utenti.

Ecco un elenco delle strategie di trading più diffuse:

  • Day Trading: il Day Trading implica l’apertura e la chiusura di una posizione nel corso di una singola giornata, in modo da sfruttare piccole fluttuazioni di prezzo;
  • Swing Trading: questa strategia consiste nel mantenimento delle posizioni per diversi giorni o settimane, in modo da sfruttare movimenti di prezzo più ampi rispetto al Day Trading; 
  • Scalping: i cosiddetti “scalper” cercano di trarre profitto da piccole variazioni di prezzo, aprendo e chiudendo diverse posizioni in tempi molto brevi;
  • Trend Following: la strategia del trend following consiste nella speculazione sulle tendenze di mercato, aprendo posizioni a seconda del trend dominante;
  • Arbitraggio: l’arbitraggio rappresenta la ricerca di un profitto dato dalle differenze di prezzo delle varie piattaforme di scambio, comprando a un prezzo basso su un mercato e vendendo a un prezzo più alto su un altro;
  • Trading algoritmico: alcuni utenti si avvalgono di algoritmi e software informatici per eseguire automaticamente operazioni di trading, impostando delle regole a seconda della propria strategia. 

Chiaramente, non esiste una strategia vincente, ma alcune possono risultare migliori di altre in base agli andamenti di mercato. 

Trading: vantaggi e rischi

Ora che sappiamo cos’è il trading e come funziona, cerchiamo di capire quali sono i vantaggi e i rischi che si corrono investendo nei mercati finanziari.

Innanzitutto, gli utenti possono accedere a potenziali rendimenti elevati a seconda degli andamenti di mercato, operando in totale autonomia e selezionando tra svariati tipi di asset come azioni, ETF, criptovalute, valute tradizionali e materie prime.

Inoltre, si può beneficiare di:

  • liquidità elevata: al giorno d’oggi, i mercati finanziari offrono un’elevata liquidità, consentendo di effettuare operazioni nell’immediato e speculare anche nel breve termine;
  • flessibilità: data la possibilità di operare da un PC o uno smartphone, l’utente ha accesso 24/7 ai mercati finanziari, con la possibilità di scegliere se operare nel breve, medio o lungo periodo;
  • servizi aggiuntivi: alcune piattaforme di investimento offrono servizi aggiuntivi per maturare interessi o ottenere ricompense nel tempo, ampliando le possibilità di guadagno;
  • apprendimento continuo: la consapevolezza e lo sviluppo di nuove competenze sono parte integrante del trading, che consente di imparare nuove nozioni attraverso l’esperienza;
  • indipendenza: diversamente dagli investimenti tramite consulenti, il trading permette di operare in piena autonomia. 

Chiaramente, il tutto implica dei rischi, come:

  • rischio di perdita del capitale: investire il proprio denaro rappresenta chiaramente un rischio, data la possibilità di perdere tutti i fondi a disposizione anche con una sola operazione;
  • fattori esterni: anche pianificando una strategia perfetta, i fattori esterni possono influenzare fortemente i mercati, generando ingenti perdite all’improvviso;
  • rischio psicologico: i mercati possono essere estremamente volatili e possono pesare negativamente a livello psicologico;
  • dipendenza dal trading: nonostante le perdite, ad alcuni utenti potrebbe capitare di continuare a investire il proprio denaro cercando di recuperare i fondi persi. Questo problema può trasformarsi in una vera e propria dipendenza.

Per i motivi di cui sopra, prima di tuffarsi nel mondo del trading, bisogna capire come funziona e studiare le varie dinamiche dei mercati, in modo da iniziare con il piede giusto.

L'ABC della banca

Scopri risposte semplici alle domande più complesse sulla finanza.
Impara le basi

Il tuo denaro con N26

N26 offre un modo semplice e intuitivo di gestire il proprio denaro. Con Statistiche, puoi comprendere a fondo le tue abitudini di spesa, in modo da ottenere il pieno controllo del tuo budget. Inoltre, con la funzionalità premium Spaces, puoi risparmiare facilmente per raggiungere i tuoi obiettivi finanziari a breve e lungo termine. Scopri i nostri conti per saperne di più!

Articoli simili all'argomento

Di N26

Love your bank

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi. Limitazioni alla nuova clientela N26. La Succursale Italiana di N26 è stata recentemente oggetto di un provvedimento da parte della Banca d'Italia.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Hands holding some coins.

Cosa sono i mercati finanziari? Definizione e funzionamento

Ti interessano gli investimenti e vuoi sapere come funzionano? In questa guida ti spieghiamo cosa sono i mercati finanziari e quanti tipi ne esistono.

Cosa sono le azioni? Guida completa per principianti

Il mercato azionario rappresenta il cuore dell’economia mondiale. In questa guida scoprirai cosa sono le azioni e come funzionano per iniziare col piede giusto.

Ritratto di Brendan Walsh - Portfolio Manager, scrittore e investitore.

Trading e investimenti: capire le differenze chiave

Trading o investimento: qual è la differenza? E quale potrebbe fare al caso tuo? Brendan Walsh, esperto di investimenti, ci illustra nel dettaglio il suo parere professionale.