Anno sabbatico: cosa significa e come finanziarlo

7' di lettura

Più anni di lavoro si hanno alle spalle, più diventa difficile conciliare la vita privata con quella professionale. Dopo aver dedicato alla carriera buona parte della vita, in molti sognano di ritagliarsi un po’ di tempo per sé e prendere un anno sabbatico. Un anno sabbatico è un periodo di tempo prolungato e predeterminato in cui ci si assenta dal lavoro per approfondire altri interessi: dal viaggio alla ricerca, fino alla crescita personale. Diversamente da quanto accade quando si danno le dimissioni in via definitiva, chi prende un anno sabbatico lo fa quasi sempre con l’intenzione di tornare poi al lavoro.

Al giorno d’oggi potrebbe sembrare un sogno irrealizzabile, invece non esiste momento migliore di questo per giocare d’anticipo e iniziare a pianificare le spese. Quindi, se hai voglia di lasciarti per un po’ alle spalle il trantran lavorativo, scopri i nostri consigli su come prendere un anno sabbatico con la sicurezza di avere a disposizione fondi sufficienti. 

Prenditi una pausa dal lavoro—come programmare il tuo anno sabbatico

La prima cosa da decidere prima di prendere un anno sabbatico è come impiegherai il tuo tempo. Che tu abbia il desiderio di acquisire nuove competenze o preferisca viaggiare verso mete lontane, le possibilità sono praticamente illimitate. Ecco le prime tre cose da fare:

1. Svolgi qualche ricerca

Verifica di aver diritto a prendere un’aspettativa dal lavoro. L’anno sabbatico viene spesso considerato un benefit aziendale e non tutti i datori di lavoro lo offrono. Questo significa che il datore di lavoro ha la facoltà, e non certo l’obbligo, di concedere un anno sabbatico. Consulta la tua policy aziendale e rivolgiti alle Risorse umane per controllare cosa puoi e non puoi fare. 

2. Decidi per quanto tempo lascerai il lavoro

Una volta confermata la disponibilità della tua azienda, valuta quali sarebbero le conseguenze finanziarie di un’aspettativa retribuita o non retribuita, quindi decidi per quanto tempo sarai assente. Anche se il tuo anno sabbatico sarà retribuito, le tue abitudini quotidiane cambieranno molto, con un probabile impatto sulle tue finanze. Studiare a Dubai, per esempio, costerebbe molto di più che svolgere attività di ricerca nella tua città, quindi varierà anche il periodo di tempo in cui sarai in grado di mantenerti. 

3. Scegli il momento giusto

Chiediti qual è il momento giusto per iniziare un anno sabbatico: per te, ma anche per la tua azienda. Dovrai tenere in considerazione l’eventuale preavviso da dare e quanto tempo ti servirà per risparmiare il denaro che ti occorre. E non dimenticare di preparare un piano d’azione per il tuo ritorno: se lavori in proprio, pensa ai clienti che dovranno fare a meno dei tuoi servizi. Quanti di loro resteranno ad aspettarti? 

Preparare il terreno per l’anno sabbatico: tutto su come pianificarlo

Che tu abbia intenzione di fare bungee jumping a Bali o di partecipare a un ritiro di meditazione in Marocco, l’importante è sfruttare al massimo l’occasione e ricavarne quanto più possibile. Decidi come vorresti impiegare il tuo tempo prima di preventivare i costi e di preparare un piano dettagliato. I motivi più frequenti per concedersi un anno sabbatico sono tre: viaggiare, studiare o fare volontariato (ma può anche trattarsi di una combinazione tra queste attività).

Fare un viaggio

Viaggiare è l’opzione più gettonata. Potresti scegliere di attraversare il tuo paese per conoscerlo meglio, oppure di ampliare i tuoi orizzonti visitando terre sconosciute. Per decidere quanto denaro ti servirà, tieni presente quale sarà la tua destinazione; valuta anche quali aree geografiche si addicono meglio al tuo budget. Ecco qualche esempio delle principali spese che dovrai sostenere se dedicherai il tuo anno sabbatico a viaggiare, a seconda del budget di cui disponi:

Mezzo di trasporto Interrail pass ferroviario per un unico paese o globale 47 €–376 €Crociera attorno al mondo 11.000 €
Alloggio Una notte in un dormitorio comune a Siem Reap in Cambogia, 4 € a personaHotel 5 stelle Raffles a Singapore 560 € a notte
Vitto Cibo di strada a Bangkok Thailandia, 0,85 €–2,50 €Esperienza gastronomica stellata a San Sebastian 242 € per un menu degustazione (bevande escluse)
Attività Rafting su zattera di bambù in Thailandia da 38 €Escursione di 3 giorni con immersioni subacquee nella Grande Barriera Corallina da 750 €

Studiare

Molte persone dedicano il loro congedo sabbatico a imparare cose nuove. Potrebbe essere l’occasione per ampliare le tue competenze professionali, oppure per studiare una materia che ti appassiona. Con la miriade di corsi disponibili, non ti resta che decidere cosa vuoi imparare, e dove e per quanto tempo studierai. Se vuoi prendere un anno sabbatico per studiare—per imparare un nuovo mestiere o metterti in proprio come freelance—dai un’occhiata alla nostra guida per cambiare lavoro e mettersi in proprio per saperne di più.

Fare volontariato

Dedicarti a una causa in cui credi è una fantastica occasione di crescita personale. Ma che tu scelga di impegnarti presso un’organizzazione ambientalista, un’oasi faunistica o un ente a tutela dell’infanzia, dovrai pianificare le tue spese tenendo presente che si tratta di un lavoro non retribuito. Verifica se è possibile presentare domanda per ottenere sovvenzioni tramite l’ente che hai scelto, oppure chiedi se sono disponibili finanziamenti a livello locale.

Una volta che avrai definito la tua proposta di anno sabbatico, se speri di conservare il tuo impiego dovrai presentarla in modo convincente al tuo datore di lavoro. Evidenzia le esperienze che potrebbero dare una marcia in più alla tua carriera e spiega come la tua professionalità potrebbe guadagnarne al tuo rientro. Scegli il momento opportuno, presentati con un piano curato nei minimi dettagli e avrai ottime possibilità di ottenere l’approvazione che ti permetterà di vivere un’esperienza irripetibile.

Finanziare la libertà di un anno sabbatico—come risparmiare per l’anno sabbatico

Hai ottenuto l’okay al lavoro e hai preparato un piano d’azione per il tuo anno sabbatico. Non ti resta che leggere i nostri consigli finanziari e le nostre indicazioni su come risparmiare per l’anno sabbatico e procurarsi fondi sufficienti a vivere un’esperienza unica.

1. Stabilisci un budget di base

Elenca tutte le spese, compresi il trasporto, le polizze assicurative e i costi di vitto e alloggio. Dividi la cifra ottenuta per la durata del viaggio e avrai un’idea di quanto spenderai al giorno in aggiunta alle spese una tantum, ad esempio per le attività. Per andare sul sicuro, aggiungi anche un fondo d’emergenza per eventuali imprevisti.

2. Considera le spese ricorrenti

Prendi in considerazione la rata mensile del mutuo o il canone di affitto, e le bollette. Verifica se sia possibile sospendere o cancellare alcune forniture e valuta la possibilità di subaffittare la casa durante la tua assenza per massimizzare le entrate.

3. Riduci le spese e inizia subito a risparmiare

Chiediti quali costi potresti tagliare e di quanto, ad esempio cancellando l’abbonamento in palestra per allenarti a casa, cercando un contratto per il wi-fi più conveniente e uscendo meno a cena. Se ti impegnerai a tagliare i costi e a mettere da parte le cifre risparmiate, ben presto quei piccoli importi andranno a formare una bella somma.

4. Trova dei lavori occasionali o un impiego part-time

Svolgere lavori occasionali o lavorare part-time è un ottimo modo di risparmiare quando sei in viaggio, soprattutto se disponi di un budget limitato o se il tuo anno sabbatico non è retribuito. Iscriviti ai siti e alle app che consentono di trovare lavori manuali come fare le pulizie, portare a spasso i cani e consegnare pasti a domicilio. In molti scelgono di lavorare in bar e ristoranti, perché è un ottimo modo per conoscere altri viaggiatori. Se invece preferisci un impiego più a lungo termine, potresti lavorare come au pair o tutor per studenti. 

5. Utilizza gli strumenti di pianificazione finanziaria

Usare una app per la pianificazione finanziaria è un ottimo modo per tenere sempre sott’occhio le spese. Registrare le uscite, impostare un sistema di notifiche per le transazioni effettuate e consultare una dashboard per monitorare le tue finanze ti aiuterà a restare sul pezzo.  

Proteggiti con l’assicurazione giusta—preparati a ogni evenienza 

Prima di correre a fare le valigie o a ordinare i tuoi nuovi libri di testo, pazienta ancora un attimo: per affrontare con serenità l’anno sabbatico è fondamentale acquistare la copertura assicurativa più adatta a tutelare te e la tua salute nel corso dei tuoi viaggi o delle tue attività. Puoi scegliere tra numerose compagnie assicurative e tra vari siti che consentono di confrontare le offerte, quindi svolgi qualche ricerca e guardati attorno. Che tu abbia in programma di immergerti in una gabbia fra gli squali del Sudafrica o di insegnare italiano in Giappone, confronta le diverse polizze e vai in cerca di offerte speciali. Ricordati di leggere attentamente il contratto, anche le clausole scritte in piccolo, per verificare che la polizza scelta ti offra una copertura completa per tutta la durata del viaggio (comprese eventuali attività).

Viaggio Copertura viaggio singolo da 11 €Copertura globale multi-viaggio da 95 € incl. sport invernali
Salute e spese mediche Copertura solo per trattamento privato da 16 € al meseTrattamento e diagnosi completa da 45 € al mese
Attività Copertura per sport acquatici da 64 €Viaggio di 90 giorni inclusa immersione in gabbia tra gli squali 680 €

Il tuo denaro con N26

Organizzare un anno sabbatico può essere impegnativo, ma, con gli strumenti giusti, gestire le tue finanze è più facile di quel che pensi. Con un conto corrente N26 Smart puoi utilizzare la tua Mastercard N26 per effettuare fino a 5 prelievi gratuiti al mese e pagare senza commissioni in qualsiasi valuta.

Cosa significa prendere un anno sabbatico?

Un anno sabbatico è un congedo retribuito o non retribuito da dedicare alla tua crescita personale. Se la tua azienda ne prevede la possibilità, parla con il tuo datore di lavoro per comprendere quali requisiti ti danno diritto all’anno sabbatico, ad esempio aver lavorato per un determinato periodo di tempo.

Che cos’è una policy di congedo sabbatico?

È il documento che descrive la posizione del tuo datore di lavoro riguardo all’anno sabbatico e le opportunità offerte dall’azienda, ad esempio per studiare, per seguire un percorso di riqualificazione professionale o per viaggiare. Se in futuro ti piacerebbe prendere un anno sabbatico, meglio iniziare a parlarne con il tuo datore di lavoro il prima possibile. Dovrete concordare per quanto tempo ti assenterai dal lavoro, se sarai retribuito o no e se al tuo ritorno ti sarà possibile ricoprire lo stesso ruolo.

Che cosa si fa durante un anno sabbatico?

Durante un anno sabbatico dovresti dedicarti a qualcosa che hai sempre voluto fare, come imparare nuove competenze, laurearti, viaggiare per il mondo o fare volontariato per un ente benefico. La durata dell’anno sabbatico va concordata con il datore di lavoro: potrebbe trattarsi effettivamente di un anno, ma anche di un periodo inferiore. Il congedo sabbatico dura solitamente fra i 2 e i 12 mesi.

L’anno sabbatico è retribuito?

È possibile che durante il tuo anno sabbatico il tuo datore di lavoro accetti di versarti lo stipendio per intero o in parte. Ma non è affatto tenuto a pagarti, né a concederti l’aspettativa che desideri. Spetta sempre al datore di lavoro decidere, in base alla policy aziendale.

Qual è il momento migliore per prendere un anno sabbatico?

Di norma ha diritto all’anno sabbatico chi lavora per l’azienda da almeno sette anni, ma non è detto che tu non possa ottenerlo con un’anzianità inferiore. Parla con i tuoi colleghi per capire quanti altri dipendenti hanno usufruito di questa possibilità. Se disponi dei fondi necessari a finanziare autonomamente il tuo anno sabbatico potrai iniziare questa fantastica esperienza appena possibile, a patto di rispettare il periodo di preavviso stabilito dal tuo contratto.

Di N26

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Pie Chart.

I metodi per risparmiare troppo complicati ti spaventano? Prova la regola del 50/30/20 e organizza al meglio le tue finanze.

Phone screen with apps.

Impara a risparmiare in modo semplice con queste utili app per iPhone e Android.

Piggy bank to symbolize budgeting tips (how to save money).

Risparmiare non deve per forza essere complicato. Inizia oggi stesso a far quadrare i conti con i nostri semplici consigli!