Come pagare l'università

6' di lettura

Andare all'università è una prospettiva decisamente entusiasmante, ma la domanda è sempre la stessa: "come mi pagherò gli studi?" Mentre alcuni possono contare sul sostegno economico dei genitori, per altri questo non è possibile, e non lo è nemmeno lavorare a tempo pieno durante gli studi. In questi casi è importante considerare la possibilità di richiedere una borsa di studio o dei prestiti per studenti.

Queste risorse possono coprire diversi aspetti, dalle tasse universitarie al costo della vita e al materiale per lo studio. In Italia, l'importo che puoi ricevere cambia a seconda della regione in cui studi o in base allo specifico ente erogatore.

Che tu abbia appena fatto l'esame di maturità o stia tornando a studiare dopo un periodo sabbatico, ecco la nostra guida su come pagare gli studi universitari.

Come pagarsi gli studi: tre opzioni per finanziare il tuo percorso accademico

Borse di studio per merito, borse di studio per reddito, prestiti per studenti: forse ne hai sentito parlare ma non sai di cosa si tratta esattamente. Se non farai affidamento su risorse private per finanziare i tuoi studi, è una buona idea comprendere il funzionamento di queste tre opzioni, chi può accedervi e come candidarsi.

Se hai bisogno di una guida dettagliata, dai un'occhiata anche al nostro articolo sugli aiuti economici per gli studenti [link].

Borse di studio per merito: riconoscere l'eccellenza

Ottenere una borsa per merito è una fantastica soddisfazione, ma per farlo bisogna rispettare alcuni requisiti. Tra i vari modi in cui finanziare i propri studi, una borsa di studio è un'opzione percorribile per chi ha raggiunto ottimi risultati accademici, sportivi o musicali; alcune borse vengono invece assegnate sulla base di circostanze personali o sociali particolari o di sponsorizzazioni aziendali.

Ecco cosa devi sapere:

  • Le borse di studio possono coprire tutte le tue spese o solo una parte e, diversamente dai prestiti per studenti, non devono essere restituite.

  • Gli importi vengono versati diversamente in base al sistema di erogazione. Possono essere forniti come pagamento una tantum, oppure corrisposti a intervalli regolari (ad es. ogni semestre, ogni anno).

  • Sul sito web di ogni università viene pubblicata solitamente la lista delle borse di studio a cui possono accedere i suoi studenti. Anche alcune aziende offrono borse di studio, ad esempio per incoraggiare la varietà nella forza lavoro, sostenere i giovani talenti o aumentare la brand awareness.

  • Le modalità di candidatura variano e possono richiedere qualsiasi cosa, dal suonare una canzone allo scrivere un saggio o presentare un portfolio di design. Alcune invece prevedono semplicemente un colloquio o la compilazione di un modulo.

  • Qui trovi una lista di borse di studio per merito erogate da aziende ed enti diversi dalle università. Per conoscere le possibilità offerte dall'ateneo a cui intendi iscriverti, consulta il relativo sito web.

Borse di studio per reddito: rispondere alle esigenze degli studenti

Le borse di studio per reddito vengono erogate da istituzioni ed enti governativi per aiutare studenti e studentesse a sostenere i costi del percorso accademico. Il criterio di base per la loro assegnazione è la condizione economica dei beneficiari, che generalmente viene misurata come il reddito della famiglia nell'anno precedente. Tuttavia, se la tua situazione finanziaria è cambiata più di recente potresti comunque avere la possibilità di accedervi.

Ecco cosa devi sapere:

  • Esattamente come le borse di studio per merito, anche quelle per reddito non devono essere restituite. Allo stesso modo, i versamenti possono essere ricorrenti o una tantum.

  • Diverse borse di studio per reddito, ad esempio quelle erogate dalle regioni, richiedono anche il rispetto di alcuni criteri di merito. Si tratta solitamente di un numero minimo di esami o crediti formativi da sostenere entro l'anno accademico.

  • Oltre al reddito familiare, le borse possono essere assegnate in base a nazionalità, circostanze personali, status residenziale o corso di studi scelto.

  • Dalla pagina del Miur dedicata al diritto allo studio puoi accedere ai bandi specifici pubblicati sui siti degli enti regionali preposti o delle singole università italiane.

In dettaglio: L'entità delle borse di studio varia a seconda della regione erogatrice e dello status dei beneficiari, ma il Miur stabilisce annualmente gli importi minimi. Per l'anno accademico 2021/2022 sono i seguenti: 5.257,74 € per gli studenti fuori sede, 2.898,51 € per gli studenti pendolari, 1.981,75 € per gli studenti in sede.

informa

Conto corrente per studenti

Scopri N26 Smart, il conto corrente a canone zero 100% digitale, con bonifici gratuiti e prelievi illimitati.
Scopri la promozione per gli studenti
Una mano che tiene una carta N26 color rabarbaro.

Prestiti per studenti: studia ora e ripaga più tardi

Tra le tre opzioni presentate in questa guida, forse i prestiti sono la prima cosa che ti è venuta in mente quando hai pensato a come pagare le tasse universitarie e tutto ciò che segue. Tuttavia, è meglio avere ben chiaro di cosa si tratta e come funziona la restituzione dell'importo ricevuto. 

Ecco cosa devi sapere:

  • In Italia, diversamente da quanto accade in altri paesi come Regno Unito, Germania e Francia, non esistono sistemi nazionali di prestiti per studenti. Questa modalità di finanziamento degli studi infatti non è molto diffusa nel nostro paese. È comunque possibile accedere a prestiti privati, erogati dalle banche.

  • I prestiti per studenti sono forme di finanziamento particolari pensate appositamente per sostenere i richiedenti e le loro famiglie durante il percorso universitario. Per questo, presentano condizioni vantaggiose rispetto ai normali prestiti personali:

  1. accesso al credito più semplice: la persona richiedente non deve dimostrare di essere in possesso di un reddito, e con il prestito d’onore non è necessaria la presenza di un garante

  2. tasso di interesse agevolato 

  3. modalità di rimborso: l’importo ricevuto deve essere restituito solo al termine degli studi, dopo aver beneficiato dell’intera somma. A seconda delle caratteristiche del finanziamento specifico è previsto o si può richiedere un periodo di “pausa” dopo la conclusione degli studi, prima di iniziare la restituzione dell’importo. 

  • Molti atenei e scuole di specializzazione stipulano convenzioni speciali con un istituto finanziario per l'erogazione di questo servizio, che servono a facilitarne l'accesso e il funzionamento. 

  • Sei tu a decidere cosa fare con il prestito. Tasse d'iscrizione, affitto, cibo, libri, abbonamenti, attività di svago: sarai tu a restituire i soldi in un secondo momento, quindi sei tu a decidere come spenderli. Se tra un semestre e l'altro ti avanza del denaro, metterlo da parte può essere un'ottima idea per portarti avanti con il rimborso.

Nel 2010 è stato istituito il Fondo per il credito ai giovani del Ministero della gioventù, pensato per aiutare i giovani meritevoli a proseguire gli studi dopo la scuola superiore grazie a un prestito garantito al 70% dallo stato.  


Il tuo denaro con N26

Che tu abbia appena fatto la maturità o sia nel bel mezzo di una entusiasmante carriera, ti serve una banca che capisca esattamente cosa ti serve, quando ti serve. Perché non provare N26? È 100% digitale, sicura e facile da usare. Dalla comunicazione alle funzionalità innovative, i nostri servizi sono pensati per ridurre al minimo le scocciature bancarie e darti il massimo controllo sulle tue finanze. Inoltre, N26 non addebita commissioni nascoste sulle transazioni e ti permette di effettuare prelievi gratuiti nei paesi dell'area SEPA a seconda del conto scelto. In qualunque punto della tua carriera accademica o professionale ti trovi, è sempre il momento giusto per aprire un conto con N26. Dai un'occhiata ai nostri conti e trova quello che fa al caso tuo.

Di N26

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Una serie di appartamenti visti dal basso.

Affitti per studenti: come trovare un alloggio nelle maggiori città italiane

Ecco qualche consiglio utile per cercare una sistemazione in studentato o in un appartamento condiviso.

Una mano che scrive con una penna.

Tirocinio curriculare: cos’è e come funziona

Ecco una breve guida per scoprire il mondo del lavoro durante gli studi universitari.

Una persona che sfoglia un libro appoggiato su un tavolo.

Cosa scegliere all’università? Guida per futuri studenti

Scopri come trovare la facoltà universitaria giusta per te.