Una carta di credito viene inserita in un bancomat.

Banking basics: le commissioni bancomat

Vuoi sapere perché ti vengono addebitate commissioni bancomat ogni volta che effettui un prelievo? Leggi la nostra guida per scoprire il perché dei costi extra e impara a liberartene.

8' di lettura

Ti stai chiedendo perché devi pagare commissioni per il prelievo bancomat? È successo a tutti. Ti siedi al bar sperando di rilassarti dopo un’intensa settimana di lavoro ma ti accorgi di aver finito i contanti e indovina un po’... la carta di debito non è accettata! Non hai scelta: devi cercare uno sportello ATM (chiamato erroneamente bancomat in italiano) per prelevare, per poi scoprire dai movimenti del tuo conto che ti è stata addebitata una commissione per il prelievo.

Nel nostro precedente articolo della serie "Banking basics" abbiamo parlato delle principali commissioni bancarie in cui potresti imbatterti, e adesso siamo pronti ad approfondire l’argomento delle commissioni bancomat. A differenza di altri costi bancari, evitare le commissioni bancomat è possibile, basta solo qualche accortezza. Usare il bancomat è facile, l’unica cosa che devi sapere è come liberarti dei costi aggiuntivi quando prelevi.

Commissioni bancomat in Italia: quanto costa il prelievo

Quanto costa il prelievo bancomat in Italia dipende dal tipo di banca, ma le analisi effettuate sulle commissioni portano a una cifra media che può dare un’indicazione importante, perché varia molto tra le banche tradizionali e quelle online. Quelle tradizionali addebitano in media una commissione di 1,83 € per ogni transazione, a prescindere dall’importo. Con le banche online, invece, la media si attesta intorno a 0,89 € per i prelievi superiori a 100 €, e 0,49 € per quelli inferiori di 100 €.

Negli ultimi mesi del 2022, l’Autorità Antitrust ha bocciato la proposta di Bancomat Spa che voleva fissare un tetto massimo alle commissioni, nella misura di 1,50 €: tra i vari motivi giuridici, la perplessità principale nasceva anche dal timore che il limite massimo sarebbe diventato presto anche quello minimo, ovvero una cifra a cui tutte le banche si sarebbero adeguate, risultando in un sostanziale danno per i clienti.

Parlando di prelievi con carta di credito, invece, la commissione media è del 4% dell’importo prelevato con le banche tradizionali, e del 3,8% con quelle online.

L'ABC della banca

Scopri risposte semplici alle domande più complesse sulla finanza.
Impara le basi

Quanto costa prelevare da un’altra banca?

Le commissioni addebitate dai bancomat dell’area SEPA sono il risultato di due fattori:

  • le commissioni applicate dalla tua banca;
  • le commissioni applicate dallo sportello bancomat.

Se vuoi conoscere con esattezza i costi previsti per l’uso dei bancomat, consulta il sito web dell’istituto bancario e i relativi Termini e Condizioni. Quanto costa prelevare da un’altra banca dipende dalla tua banca. Alcuni istituti di credito e banche possono decidere di non addebitare alcuna commissione per i prelievi effettuati presso sportelli di altri istituti, mentre altre offrono un numero limitato di prelievi gratuiti o prevedono un costo fisso per ciascuna operazione. Le commissioni si applicano soltanto se usi un bancomat non appartenente alla rete della tua banca, ma possono essere ancora più elevate se effettui prelievi all’estero.

In alcuni casi è lo sportello bancomat, e non la tua banca, ad addebitarti un importo extra. Capita soprattutto quando usi uno sportello che non è di proprietà di una banca: è il caso degli sportelli ATM “indipendenti”, spesso presenti nei supermercati, nei bar o in qualsiasi altro luogo che non sia una filiale bancaria e non sia legato direttamente a quest’ultima. Se non vuoi rischiare, usa sempre gli sportelli tradizionali contraddistinti dal logo dell’istituto bancario che li gestisce.

Perché i bancomat addebitano commissioni?

Le operazioni bancomat hanno un costo per la banca, che deve conservare il denaro, eseguire la manutenzione degli sportelli e, se necessario, comunicare con il tuo istituto bancario per pareggiare i conti. Le commissioni bancomat servono a coprire questi costi e a garantire, in molti casi, un margine di profitto.

Se ritieni che non sia giusto pagare per avere accesso al tuo denaro, esistono delle banche che offrono prelievi bancomat a costo zero. Anche le banche che non addebitano commissioni sui prelievi effettuati presso sportelli di terzi, però, devono sostenere delle spese: la banca emittente della carta, infatti, deve riconoscere alla banca proprietaria dello sportello ATM una commissione interbancaria pari a 0,49 € per ogni prelievo. Di conseguenza, in alcuni casi le banche addebitano una commissione di questo tipo ai propri clienti.

Quanto costa prelevare all’estero?

Se vuoi sapere quanto costa prelevare all’estero, sappi che potresti ricevere delle sorprese: il costo dei prelievi in questo caso è molto vario e dipende da una serie di fattori. Innanzitutto, dalle condizioni applicate dalla tua banca, con le solite differenze tra banche tradizionali e online, ma anche dal paese in cui ti trovi: la differenza principale è tra i paesi dell’area SEPA (che sono 35 paesi europei, non solo i paesi che fanno parte della zona euro) e gli altri continenti. In ogni caso, dipende dal tipo di banca, dato che alcune banche internazionali hanno più filiali in certi paesi e quindi prelevare all’estero può diventare semplice come in Italia. 

Come evitare le commissioni bancomat nell’area SEPA

Se risiedi o sei in viaggio in uno dei Paesi dell’area SEPA, ti basterà qualche accortezza per sfuggire alle commissioni bancomat:

  • Affidati a una banca che non addebita costi extra: alcune banche, specialmente quelle digitali, offrono un certo numero di prelievi gratuiti mensili.
  • Usa solo sportelli ATM di proprietà di una banca: i bancomat “indipendenti” (presenti ad esempio nei piccoli supermercati o presso le aree di servizio) sono quelli che più di frequente addebitano costi aggiuntivi sui propri servizi. 
  • Preleva i tuoi contanti in modo strategico: se il tuo conto corrente ti offre prelievi gratuiti esclusivamente dai bancomat di proprietà della tua banca, fai un pit stop ogni volta che ne vedi uno: può sembrare una scocciatura, ma è un’ottima strategia per risparmiare denaro. Se invece ti è stato offerto un numero limitato di operazioni mensili, preleva somme più elevate e conservane una parte in casa per evitare di portare con te troppi contanti, in modo da poterla utilizzare in seguito.
  • Paga con la tua carta di debito ogni volta che puoi: meno pagamenti effettui in contanti, meno avrai bisogno di prelevare denaro. Fai in modo che i soldi durino più a lungo nel tuo portafogli usandoli esclusivamente nei piccoli esercizi commerciali che accettano solo pagamenti in contanti. In tutti gli altri casi, usa la carta o il tuo smartphone  per i tuoi pagamenti.

Cos’è un rimborso delle commissioni bancomat?

È la procedura con cui la banca copre i costi che ti vengono addebitati per i tuoi prelievi bancomat. In alcuni casi sei tu a dover richiedere il rimborso, mentre in altri l’operazione viene eseguita direttamente alla fine di ogni mese (quest’ultima prassi è piuttosto rara in Europa, mentre è più frequente negli Stati Uniti).

Perché alcune banche rimborsano le commissioni bancomat? In parole povere, perché fa gola: le commissioni bancomat possono essere un vero stress, soprattutto se viaggi spesso all’estero e ti trovi a dover utilizzare sistemi bancari diversi dal tuo. Rimborsarle è un incentivo offerto dalle banche ai propri clienti affinché usino la propria carta anche all’estero.

Esistono banche che non applicano commissioni internazionali nell’area SEPA?

Se i viaggi internazionali sono il tuo pane quotidiano, aprire un conto con una banca digitale potrebbe fare al caso tuo: queste banche sono solite azzerare le commissioni bancomat per i clienti che viaggiano spesso all’estero. N26, per esempio, non applica commissioni sui prelievi bancomat in valuta estera se hai un conto N26 You, N26 Metal, N26 Business You e N26 Business Metal. 

Se non vuoi perdere denaro inutilmente, non dimenticare di calcolare il tasso di cambio quando prelevi denaro in valuta estera. La maggior parte delle carte applica il tasso stabilito da Visa o Mastercard.

Commissioni sulle operazioni bancomat fuori dall’area SEPA

Grazie all’integrazione europea e alla zona euro, usare la carta nei paesi dell’area SEPA diversi dal proprio è sempre più facile. Ma quali sono le commissioni applicate ai prelievi bancomat effettuati fuori dall’area SEPA?

Proprio come accade più in generale con le commissioni bancomat, le condizioni variano da banca a banca e da paese a paese. In molti casi viene applicata una percentuale dell’1,7%, mentre in altri è prevista una commissione fissa. Ricordati anche di verificare se gli sportelli bancomat locali applicano una commissione propria. Negli Stati Uniti, ad esempio, ti troverai spesso a dover pagare qualche dollaro alla banca proprietaria dello sportello bancomat.

Come evitare le commissioni bancomat internazionali fuori dall’area SEPA

Una volta fuori dalla zona euro, i tuoi prelievi saranno soggetti a costi aggiuntivi, specialmente se il servizio è fornito da una banca diversa dalla tua. La tua banca ti offre condizioni speciali e convenzioni con banche internazionali? In tal caso, potresti avere la possibilità di usare gli sportelli ATM a un costo ridotto o gratuitamente.

Ad ogni modo, all’estero come nel tuo paese, usa bancomat di proprietà degli istituti bancari per metterti al riparo da possibili costi extra.

Quali banche offrono prelievi gratuiti fuori dall’area SEPA?

Come accennato in precedenza, alcune banche più innovative come quelle digitali offrono condizioni speciali sulle transazioni internazionali. Se vuoi liberarti delle commissioni bancomat mentre sei in viaggio, i loro servizi potrebbero fare al caso tuo.

Qual è la banca migliore per chi viaggia all’estero?

Scegliere la banca giusta è sempre una decisione personale. Chi viaggia spesso, però, può avere esigenze specifiche riguardo alle commissioni sui prelievi bancomat e ai tassi di cambio applicati. In questi casi, può essere conveniente cercare conti correnti pensati appositamente per chi viaggia spesso all’estero. Si tratta del modo migliore per scovare buone occasioni, come i prelievi bancomat gratuiti.

Il conto corrente per gestire più facilmente il tuo budget

Effettua le tue operazioni bancarie e metti soldi da parte senza pensieri. Semplice, sicuro, smart: scopri il conto corrente con IBAN italiano che ti offre pieno controllo del tuo denaro
Lista d'attesa (nuova tabella)
Smart Hero (ALL EU) Text/Media Intro.

Il tuo denaro con N26

Tutti i conti N26 ti offrono prelievi gratuiti illimitati da qualsiasi sportello in Italia e nella zona euro.

E per i più esigenti, i conti N26 You e N26 Metal includono prelievi gratuiti in qualsiasi valuta, ovunque nel mondo: un’occasione imperdibile se vuoi viaggiare senza portare con te una valigia carica di contanti. In fin dei conti si tratta del tuo denaro e il nostro obiettivo è consentirti di disporne in tutta semplicità, ovunque ti trovi.

Di N26

La banca che ti conquisterà.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi. Limitazioni alla nuova clientela N26. La Succursale Italiana di N26 è stata recentemente oggetto di un provvedimento da parte della Banca d'Italia.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Una strada in Italia con passanti.

Rientro dei cervelli: le agevolazioni per tornare in Italia

Tutto quello che devi sapere sulle agevolazioni fiscali per chi torna a vivere in Italia.

Salvadanaio rovesciato.

13 commissioni nascoste da evitare

Questa settimana andiamo a caccia di commissioni bancarie nascoste: ecco come fare per evitarle.

Asta bandiera da golf.

Commissioni sui pagamenti e prelievi all’estero

Quali commissioni ti vengono addebitate su pagamenti e prelievi quando usi la tua carta all’estero? Leggi il nostro articolo per scoprirlo.