Bambini e soldi: imparare a risparmiare sin da piccoli

6' di lettura

Molti di noi pensano all’infanzia come a un periodo spensierato in cui non ci si deve preoccupare di pagare il mutuo e le bollette, né di mettere denaro da parte per raggiungere obiettivi di risparmio. Ma sappiamo anche che quanto impariamo da piccoli influisce sul nostro comportamento di adulti. Ecco perché è bene che i bambini imparino a risparmiare il più presto possibile. Avvicinando i tuoi figli all’educazione finanziaria sin da piccoli, darai loro ottime possibilità di sviluppare un atteggiamento responsabile verso il denaro nell’età adulta. 

In verità, non è mai troppo presto per iniziare a insegnare ai bambini il valore dei soldi. Per darti una mano, abbiamo creato una pratica guida con tante idee su come e quando affrontare il discorso.

Consigli utili per insegnare ai bambini il valore dei soldi 

Nel pieno di una crisi globale e con la crescente digitalizzazione del mondo finanziario, insegnare ai bambini a gestire correttamente il denaro è più importante che mai.

1. Chiarisci i tuoi principi guida 

Quando si tratta di soldi, ognuno ha priorità diverse. Alcuni li spendono volentieri in viaggi e nuove esperienze, mentre altri preferiscono risparmiarli per anticipare il pensionamento o versare la caparra per l’acquisto di una casa. A prescindere da quali siano le tue priorità, è importante avere ben chiari i principi su cui si basa il tuo rapporto con il denaro, così da poterli trasmettere anche ai tuoi figli. 

2. Dai il buon esempio

I bambini imparano dai nostri comportamenti, quindi, in fatto di soldi, sii coerente con i tuoi insegnamenti. Ricorda che i bambini ci osservano e spesso ci imitano. Prendiamo come esempio la tendenza a spendere troppo: imparare a controllarla riduce la pressione finanziaria e, in generale, favorisce un rapporto più sano con il denaro. Evitando di cedere ogni volta che i tuoi figli ti chiedono un giocattolo nuovo darai un’ottima dimostrazione di autodisciplina e parsimonia. Prova a spiegare che, invece di spenderlo, stai risparmiando quel denaro per finanziare i loro studi, oppure potresti coinvolgerli nella scelta di un ente benefico a cui fare una donazione. Queste situazioni sono l’occasione ideale per avviare una conversazione sul valore del denaro e sui diversi modi di utilizzarlo nel corso della vita.

3. Integra gli insegnamenti su come gestire i soldi nella vita quotidiana

I tuoi figli fanno parte della tua vita finanziaria sin dalla nascita. Chissà quante volte sono venuti in un negozio con te e ti hanno guardato pagare, ti hanno chiesto di comprare delle caramelle mentre eravate in fila alla cassa, oppure ti hanno visto prelevare contanti da uno sportello ATM. Quando sei con loro in un negozio o in un ristorante, ogni occasione è buona per sensibilizzarli sull’argomento. Nei momenti di svago, proponi giochi che prevedano uno scambio di denaro, così potranno fare pratica. Quando saranno grandi abbastanza, ogni tanto lascia che si comprino il gelato da soli, oppure assegna loro una paghetta in cambio di un piccolo aiuto nelle faccende domestiche. Il denaro è una presenza costante nelle nostre vite: approfittane per ricavarne delle lezioni utili!

4. Resta al passo con i tempi

Con l’avvento degli strumenti digitali gestire le finanze è più semplice che mai. Dalle app di mobile banking ai wallet, fino agli strumenti di pianificazione finanziaria online, oggi è possibile gestire le proprie finanze direttamente dallo smartphone. L’approccio interattivo e la grafica accattivante delle banche online consentiranno ai tuoi figli di imparare divertendosi e di acquisire, oltre alle nozioni finanziarie, anche competenze digitali. Vuoi averne la prova? Apri un conto corrente N26 e scopri tutta la praticità di una banca 100% digitale. 

5. Mettiti allo stesso livello

Anche se ogni bambino è diverso, nell’affrontare il discorso adeguati sempre all’età dei tuoi interlocutori. Probabilmente con i bambini più grandi e gli adolescenti potrai parlare più apertamente, mentre i più piccoli potrebbero faticare a comprendere che un ATM non è semplicemente una macchina che regala soldi. Rendi il dialogo più coinvolgente esponendo concetti semplici e incoraggia una sana curiosità verso il denaro. Ricorda che, per quanto sia giusto imparare a gestire i soldi già in tenera età, l’infanzia è sacra, quindi evita di scaricare sui bambini lo stress causato dalle questioni finanziarie.

Educazione finanziaria per bambini di tutte le età

L’educazione finanziaria è un argomento complesso anche per noi adulti. Ma attraverso il gioco, il dialogo e qualche espediente pratico puoi aiutare i tuoi figli ad appassionarsi alla materia. Naturalmente, dovrai adattare il discorso all’età dei ragazzi. Ecco alcuni spunti per avviare la conversazione con bambini di età diverse:

  • Bambini in età prescolare: se tuo figlio fa ancora i capricci all’ora del bagnetto, forse è un po’ presto per insegnargli come far quadrare il bilancio familiare. Ma già a questa età i bambini sono curiosi e imparano in fretta, quindi prova a spiegare qualche semplice concetto e aspetta di vedere cosa resta impresso nella loro mente. Giocate a “fare la spesa” usando dei sassolini come monete, oppure fatti servire una cena in un ristorante immaginario e lascia che sia il bambino a decidere quanto farti pagare. Soprattutto, dai il buon esempio mostrando un atteggiamento sano e responsabile nei confronti del denaro in qualsiasi situazione. 

  • Bambini delle elementari: regala a tuo figlio un salvadanaio e una piccola somma da inserire all’interno. Spiega che risparmiare significa avere poi più denaro per comperare qualcosa di bello, o da conservare per il futuro. Giocate a Monopoly o ad altri giochi in scatola che aiutino il bambino a capire cosa significa spendere e cosa significa risparmiare. Andate insieme a uno sportello ATM e spiega come prelevare contanti e ogni tanto, nei negozi, lascia che sia tuo figlio a pagare. Poiché spesso a quest’età i bambini iniziano a ricevere denaro in regalo dai parenti, incoraggiali a risparmiarne una parte per quando saranno più grandi.

  • Adolescenti e giovani adulti: suggerisci ai tuoi figli di cercare un lavoro part-time dopo la scuola o nelle vacanze estive, ad esempio come baby sitter o bagnini. In questo modo impareranno ad apprezzare il valore del lavoro, e non soltanto quello dei soldi. Spiega che possono depositare le somme guadagnate in un conto corrente tutto loro, e mostragli come risparmiare utilizzando gli strumenti delle app di mobile banking. Questa è l’età ideale per iniziare a risparmiare per l’università, una vacanza con gli amici o un’auto. Dissuadi i ragazzi dal paragonarsi a chi è più abbiente e, se ne hai la possibilità, dai il buon esempio donando a favore delle cause che più ti stanno a cuore. 


Il tuo denaro con N26

Insegnare ai bambini il valore dei soldi non deve per forza essere complicato, soprattutto se hai a disposizione strumenti validi per gestire le finanze e i risparmi. Apri un conto N26 Smart oggi stesso e con la funzionalità Spaces potrai creare fino a 10 spazi separati dal conto principale per organizzare i tuoi risparmi in base ai tuoi progetti. Così potrai mostrare ai tuoi figli un modo semplice e interattivo per razionalizzare le spese e restare nel budget, comodamente dal tuo smartphone. E non finisce qui: usa la funzionalità Regole per impostare bonifici periodici e incoraggia i ragazzi a controllare il saldo per vederlo crescere.

Perché è importante insegnare ai bambini l’educazione finanziaria?

Nella vita i bambini acquisiscono le loro principali abilità osservando coloro che li circondano. Coinvolgendoli in attività incentrate sul denaro adatte alla loro età e parlando apertamente delle tue abitudini di spesa e di risparmio getterai le basi per un rapporto equilibrato con il denaro negli anni a venire.

Qual è il modo migliore per insegnare ai bambini il valore dei soldi?

Esistono tanti modi divertenti per insegnare ai bambini il valore dei soldi. Attraverso l’osservazione e il gioco, che si tratti di giochi da tavolo come il Monopoly o di fingere di fare la spesa o cenare al ristorante, i bambini imparano a conoscere il mondo reale. Per i bambini più grandi e gli adolescenti, considera l’idea di assegnare loro una paghetta o incoraggiali a trovare un lavoro estivo per guadagnare qualcosa. Così avranno la possibilità di decidere se spendere o risparmiare le somme guadagnate. Infine, dai il buon esempio gestendo le tue finanze con saggezza e parlando apertamente di soldi con i tuoi figli.

Qual è il momento giusto per iniziare a insegnare ai figli il valore dei soldi?

Le statistiche indicano che i bambini sono in grado di comprendere il valore delle monete già dai 4 anni, e che le abitudini di spesa e di risparmio si formano a partire dai 7 anni. In verità, il denaro è parte integrante della vita di ognuno di noi e non è mai troppo tardi per instillare nei bambini delle sane abitudini finanziarie. Approfitta di ogni occasione per incoraggiare un atteggiamento responsabile verso i soldi, ma tieni sempre presente l’età del bambino! Cerca di rendere l’argomento divertente e affrontalo con sincerità, ma senza trasmettere ai ragazzi lo stress legato alle questioni finanziarie.

Qual è l’età minima per aprire un conto corrente?

Le regole sull’età minima per aprire un conto corrente variano di paese in paese. In genere, i ragazzi sotto i 14 anni possono avere un conto corrente se questo è gestito da un genitore o da un tutore legale. Alcuni paesi consentono ai ragazzi dai 15 anni in su di aprire un conto senza la presenza di un genitore, mentre in quasi tutte le banche basta essere maggiorenni per aprire un conto corrente a proprio nome. Contatta le tue banche locali per scoprire quali tipi di conti offrono ai minori.

Qual è l’età minima per aprire un conto corrente N26?

Chiunque abbia almeno 18 anni e risieda in uno dei 25 mercati in cui operiamo può aprire un conto corrente. I conti N26 sono perfetti come primo conto corrente, grazie alle funzionalità intuitive pensate per essere utilizzate su dispositivo mobile e per aiutarti a risparmiare e spendere in tutta sicurezza. Se tuo figlio sta per compiere 18 anni scopri i nostri conti e scegli quello più adatto!

Di N26

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Pie Chart.

La regola del 50/30/20 per gestire al meglio le tue finanze

I metodi per risparmiare troppo complicati ti spaventano? Prova la regola del 50/30/20 e organizza al meglio le tue finanze.

Phone screen with apps.

Guida alle migliori app per risparmiare

Impara a risparmiare in modo semplice con queste utili app per iPhone e Android.

Piggy bank to symbolize budgeting tips (how to save money).

Come risparmiare: 3 consigli per mettere soldi da parte senza sforzo

Risparmiare non deve per forza essere complicato. Inizia oggi stesso a far quadrare i conti con i nostri semplici consigli!