Quale università scegliere in Europa?
Torna al BlogStudenti

Quale università scegliere in Europa?

Se frequenti l’ultimo anno di superiori, forse stai considerando l’idea di iniziare un nuovo capitolo della tua vita: l’università. Dal momento che in Europa esistono oltre 3000 istituti universitari, però, capire quale scegliere può sembrare davvero un’impresa titanica.

In quale università europea iscriversi?

Se stai cercando di capire quale università scegliere, i motori di ricerca sul web sono i tuoi migliori amici. Anche i siti delle università, poi, sono i primi alleati per ottenere informazioni aggiornate sui corsi e sulla vita in facoltà. In più, durante l’anno accademico le università organizzano i cosiddetti open day: in queste occasioni, puoi visitare la struttura e parlare direttamente con lo staff che si occupa delle ammissioni, con i professori e con gli studenti in corso. Se l’università che ti interessa è lontana dal posto in cui abiti, puoi anche rivolgerti alla rete di ex alunni per saperne di più sulle loro esperienze di studenti.

Università pubblica e privata: le differenze principali

In Europa ci sono due principali tipologie di università:

Le università pubbliche

Si tratta di istituti sostenuti da fondi pubblici stanziati dal governo. Queste includono:

  • L'Università Ludwig Maximilian di Monaco (50.000 studenti)
  • L’Università di Lucerna in Svizzera (2.500 studenti)
  • L’Università di Edimburgo in Scozia (36.000 studenti)
  • L’Università di Barcellona in Spagna (63.000 studenti)
  • L’Università di Bologna in Italia (77.000 studenti)

Le università private

Sono istituti gestiti solitamente come aziende o associazioni no profit. Queste offrono un numero ristretto di corsi e includono per esempio:

  • L’Università Carlo Cattaneo di Castellanza, in provincia di Varese (2.000 studenti)
  • L’Università di Buckingham in Inghilterra (2.500 studenti)
  • L’Università Cattolica di Parigi in Francia (7.500 studenti)
  • L’Università Europea di Madrid in Spagna (16.000 studenti)

Che tipo di corsi di laurea scegliere in Europa?

Le lauree di primo livello, conosciute in Italia come lauree triennali, durano solitamente dai 3 ai 4 anni, a seconda del paese e delle facoltà universitarie:

3 anni:

  • Italia
  • Inghilterra
  • Polonia

3 anni o più (con la possibilità di frequentare meno corsi per semestre):

  • Germania
  • Austria

4 anni:

  • Olanda
  • Spagna

In alcuni casi, il corso di laurea può durare anche più a lungo. Ad esempio, se studi medicina possono volerci 5 anni prima di diventare un medico qualificato. In Francia potresti dover studiare anche per 8 anni se vuoi diventare dottore o dottoressa, mentre qui in Italia occorrono 6 anni di studio prima della specializzazione.

Un’altra opzione sono i cosiddetti corsi di laurea “sandwich”, chiamati in questo modo perché integrano un anno di lavoro o un anno all’estero alle componenti di un normale corso di laurea. Questi corsi sono molto comuni in Inghilterra, ma vengono offerti anche da alcune università nostrane, per esempio l’Istituto Marangoni. Solitamente, il programma si estende in base alla durata dello stage in questione: se ti iscrivi a un corso di laurea triennale e completi uno stage di un anno, per esempio, otterrai un diploma “sandwich” di 4 anni.

Come iscriversi alle università in Europa?

Alcune università sono a numero chiuso: questo significa che non tutti gli studenti che hanno presentato la loro candidatura verranno accettati. Come decidono chi selezionare? Per capire quale università scegliere in Europa, è fondamentale sapere quali sono i criteri e le modalità di ammissione. Ecco qualche esempio:

Eccellenza accademica

  • Germania: un certificato (o una qualifica equivalente) che garantisca la tua idoneità a frequentare l’università.
  • Regno Unito: l’ammissione si basa sui risultati degli esami finali alle superiori.

Competenze linguistiche

  • Spagna: un certificato o qualifica che dimostri una conoscenza dello spagnolo pari o superiore al livello B2.
  • Italia: una prova delle competenze linguistiche, che può variare da università a università.

Passione per la materia

  • Francia: un saggio che dimostri la passione che provi per la materia che ti piacerebbe studiare.
  • Inghilterra: una lettera di presentazione, solitamente lunga una pagina, che riguardi la materia da te scelta.

La classifica delle università mondiali: chi è in testa?

Ogni anno i principali quotidiani internazionali pubblicano le classifiche delle università, ma bisogna considerare che queste ultime possono variare ampiamente a seconda dei parametri di valutazione utilizzati. Per esempio, la Sorbona di Parigi occupa attualmente il 29° posto della classifica delle università mondiali stilata dal World University Rankings (CWUR), mentre secondo il supplemento al Times Higher Education si trova al 73° posto.

In ogni caso, se stai valutando quale università scegliere in Europa, tieni a mente che alcuni istituti si trovano da tempo in testa alla classifica per determinate facoltà universitarie. Ecco qualche esempio:

Medicina

  • Università di Oxford
  • Università di Cambridge
  • Politecnico federale di Zurigo (ETH)

Storia

  • University College di Londra
  • Università di Edimburgo
  • Università Ludwig Maximilian di Monaco

Legge

  • London School of Economics (LSE)
  • Université PSL (Paris Sciences & Lettres) di Parigi
  • Università di Heidelberg

Fisica

  • Università di Oxford
  • KU Leuven in Belgio
  • Scuola politecnica federale di Losanna

Quali sono le principali città universitarie in Europa?

Sono tanti gli elementi da tenere in considerazione prima di iniziare l’università, dalla possibilità di lasciare la propria città o il proprio paese all’aprire un conto corrente che puoi gestire facilmente ovunque tu decida di trasferirti. Per capire quale università scegliere, potrebbe esserti d’aiuto anche dare un’occhiata a tutto quello che diverse città possono offrirti:

Manchester, Regno Unito

  • Popolazione: 550.000
  • Aeroporto internazionale con oltre 400 voli al giorno
  • Vivace comunità internazionale con un’animata Chinatown

Monaco, Germania

  • Popolazione: 1,5 milioni
  • 12 università (anche se alcune sono specializzate in materie selezionate)
  • Ottimi impianti sportivi (la città ha ospitato le Olimpiadi nel 1972)

Paris, Francia

  • Popolazione: über 2 milioni
  • Tanti monumenti, musei e luoghi d’interesse culturale, come il Louvre e la Tour Eiffel
  • Facilmente raggiungibile in aereo dalle principali città italiane e collegata a Londra dall’Eurostar

Barcellona, Spagna

  • Popolazione: 1,6 milioni
  • Clima fantastico (in media piove soltanto 55 giorni all’anno)
  • L’Università di Barcellona offre due corsi di laurea in inglese per gli studenti internazionali che non parlano lo spagnolo

Roma, Italia

  • Popolazione: 2,8 milioni
  • 24 università diverse con una vivace vita studentesca
  • L’Università Americana di Roma offre corsi di laurea accreditati e riconosciuti negli Stati Uniti.

Quanto costa andare all’università in Europa?

A seconda del paese che scegli, studiare all’università può essere più o meno caro. Oltre alla retta universitaria, devi tenere in conto la tassa di iscrizione, le spese quotidiane, l’affitto, le spese per il tuo tempo libero… Nel caso di città come Londra, dove i prezzi sono generalmente abbastanza elevati, il costo della vita può davvero fare la differenza. Ecco qualche cifra che può aiutarti a individuare le città universitarie più economiche e quelle più salate:

Germania

  • Retta: 0,00 € all’anno (con un piccolo contributo amministrativo)
  • Costo della vita: 850 € al mese

Spagna

  • Retta: circa 2.000 € all’anno (per studenti non appartenenti all’UE)
  • Costo della vita: 650 € al mese

Regno Unito

  • Retta: almeno 19.000 € all’anno (per studenti non appartenenti all’UE)
  • Costo della vita: 900 € al mese

Francia

  • Retta: 2.770 € all'anno
  • Costo della vita: 700 € al mese

Italia

  • Retta: 1.000 € all'anno
  • Costo della vita: 900 € al mese

Molte università offrono borse di studio per aiutarti a sostenere i costi della retta. Si va da borse a copertura totale a sussidi di poche centinaia di euro l’anno.

Università: quale tipo di alloggio scegliere?

Scegliere un buon corso di laurea in un istituto universitario valido è fondamentale. Non dimenticare, però, che se cambi città o paese dovrai trovare una sistemazione. Ecco qualche informazione utile:

Regno Unito

  • Spesso sono disponibili studentati, specialmente per le matricole.
  • Secondo il NUS Student Experience Report, solo il 19% degli studenti vive a casa propria.

Germania

  • Il 40% degli studenti in Erasmus o in scambio vive in alloggi studenteschi, come quelli forniti dall’Università Humboldt di Berlino.
  • Molti studenti tedeschi vivono a casa propria.

Francia

  • Solo tre agenzie offrono stanze e alloggi condivisi in 200 città francesi.
  • Il prezzo degli affitti negli alloggi per gli studenti parte da 150 € alla settimana.

Italia

  • La maggior parte delle soluzioni abitative per studenti non si trova all’interno dei campus universitari. In genere, queste sono gestiti da appositi uffici universitari dedicati ad alloggi e residenze per studenti.

Spagna

  • Solo il 6% degli iscritti alle università riesce a ottenere gli alloggi riservati agli studenti, per cui molti affittano privatamente.

E... dopo l’università?

Frequentare l’università è molto di più che ottenere una laurea. Per molti, si tratta di un passo fondamentale nell’inizio della propria carriera professionale. Proprio per questo le università non offrono solo corsi, ma anche sessioni di orientamento per le scelte relative alla tua futura carriera. I servizi di questo tipo spesso includono:

Sostegno post universitario

  • L’Università di Cambridge dispone di un’ampia rete di ex allievi.

Una prospettiva internazionale

  • L’Università Libera di Berlino dispone di dipartimenti dedicati che aiutano i neolaureati a trovare lavoro in tutto il mondo.

Moduli di formazione

  • L’Università di Dundee offre agli studenti moduli dedicati all’inserimento professionale e programmi per la carriera da completare durante il corso di laurea.

In fin dei conti, studiare non significa solo starsene seduti 24 ore su 24 in biblioteca, anzi. L’università è un mondo tutto da scoprire!

Cosa ti offre N26

Vogliamo rendere l’esperienza bancaria semplice e accessibile per tutti. Continua a seguirci: ti proporremo presto nuovi articoli in cui faremo chiarezza su tanti altri aspetti del mondo bancario. Scoprirai che può essere molto più semplice di quanto non sembri.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...