Una persona che utilizza il proprio telefono cellulare.

Hai un malware sul telefono? Ecco come scoprirlo

I malware sono dei software dannosi che possono accedere ai dati personali presenti sul tuo telefono, come le informazioni bancarie ad esempio. Scopri come proteggerti e cosa fare in caso di attacco.

5' di lettura

I borseggiatori appartengono ormai al passato: oggi la nuova minaccia alla sicurezza delle persone prende il nome di malware, abbreviazione di "malicious software", traducibile letteralmente in italiano con "programma malevolo". Una volta infettato il tuo smartphone, spesso sotto le spoglie di un’app, un sito web o un annuncio pop-up, i malware possono accedere ai tuoi dati privati, tra cui le credenziali bancarie. Esistono numerose strategie per proteggere il proprio dispositivo dall’infezione di un malware e per rimuoverlo qualora l’attacco sia già andato a segno. Ecco cosa devi sapere per proteggere il tuo smartphone da un malware.

Come funzionano i malware sul telefono

I criminali informatici utilizzano i malware per accedere ai dati personali sul telefono, come contatti, email, nomi utente, password, documenti e dati bancari ad esempio. Potresti persino avere un malware sul telefono a tua insaputa. Maggiori sono le informazioni che condividi utilizzando un telefono infetto, più alta sarà la probabilità che il malware possa accedervi.

Questo software malevolo è in grado di infettare il tuo telefono in vari modi. Eccone alcuni:

  • App infette. Gli hacker creano app malevoli e le vendono tramite app store di terze parti, ossia piattaforme diverse da App Store e Google Play. 
  • Download effettuati direttamente sul dispositivo. In questo caso, un hacker riesce a scaricare un malware direttamente sul telefono della vittima connettendolo a un altro dispositivo. Questa situazione si verifica spesso quando un utente collega il proprio telefono a un computer non affidabile.
  • Malvertising. Gli hacker possono introdurre un codice malevolo negli annunci online: cliccando sull’annuncio, la vittima installerà automaticamente il malware sul proprio dispositivo. Può trattarsi di pop-up, banner e annunci a pagamento.
  • Truffe online ephishing.Con questi metodi, i truffatori inviano alle proprie vittime un messaggio o un’email che le indirizza a un link malevolo o su un sito web falso. Dopo aver cliccato sul link, il malware infetterà il telefono dell’utente.

Come scoprire se un malware ha infettato il tuo telefono

Ci sono tanti campanelli d’allarme che suggeriscono la presenza di un malware sul tuo telefono. Prima individui l’attacco, prima riuscirai a risolvere il problema e a proteggere i tuoi dati. Ecco a cosa prestare attenzione:

1. Consumo molto rapido della batteria

Se noti che improvvisamente la batteria del telefono si scarica molto più in fretta del solito, il motivo potrebbe risiedere nella presenza di un malware che, essendo in esecuzione in tante attività in background, assorbe molta energia. È normale che le prestazioni delle batterie diminuiscano nel corso del tempo, ma fai attenzione se l’anomalia dovesse verificarsi all’improvviso.

2. Aumento degli annunci pop-up

Se inizi a ricevere un numero elevato di annunci pop-up all’interno di un’app o persino se non hai applicazioni aperte, è possibile che il tuo telefono sia stato infettato da un malware.

3. Nuova, misteriosa app

Se ti accorgi che sul tuo telefono è presente una nuova app che non hai mai scaricato, non aprirla. A volte, dopo essersi insediati nel tuo telefono, i malware possono installare ulteriori applicazioni altrettanto malevole. 

Anche quando scarichi una nuova app e vedi l’icona scomparire subito dallo schermo, potrebbe trattarsi di un attacco malware.

4. Surriscaldamento del telefono

Alcuni malware possono causare un sovraccarico della CPU o del meccanismo di ricarica del telefono, provocando un pericoloso surriscaldamento. Se il tuo telefono dovesse surriscaldarsi mentre è in carica, ti consigliamo di staccarlo dalla presa di corrente e spegnerlo immediatamente.

5. Addebiti inspiegabili

I malware possono inviare messaggi a numeri a sovrapprezzo e comportare un addebito a tuo nome senza che te ne accorga. La presenza di addebiti sospetti sulla fattura del tuo telefono può essere un segnale di infezione da malware.

Come proteggere il tuo telefono da un malware

Proteggere il tuo telefono dai malware è fondamentale per mantenere al sicuro i tuoi dati privati. Di seguito trovi alcuni nostri consigli:

  • Non effettuare operazioni di jailbreaking sul tuo telefono, ossia non rimuovere le restrizioni software implementate dal fornitore. Il jailbreaking, infatti, rende il tuo telefono molto più vulnerabile agli attacchi dei malware
  • Non scaricare app da piattaforme di terze parti. La maggior parte delle app malevole viene scaricata da piattaforme esterne agli app store ufficiali, come Google Play e App Store
  • Mantieni aggiornato il tuo telefono con gli update del sistema operativo. Questi ultimi contengono patch di sicurezza fondamentali per correggere vulnerabilità potenzialmente sfruttabili dagli hacker
  • Non cliccare su link sospetti. Spesso i malware riescono a insediarsi nel tuo telefono tramite tentativi di phishing condotti tramite email o SMS che ti indirizzano su un sito web contenente un link malevolo
  • Prima di installare una nuova app, esamina le autorizzazioni richieste. Non installare applicazioni che chiedono di accedere ai tuoi dati personali, tra cui calendario, elenco dei contatti e messaggi SMS, senza una buona ragione.

Come proteggere il tuo conto corrente da un malware

Purtroppo gli hacker creano malware con cui prendere di mira le app bancarie. Una volta che il software malevolo è entrato nel tuo telefono, gli hacker sono in grado di accedere alle credenziali di login della vittima e anche ai suoi conti correnti. In questi casi, a meno che il malware non sia stato rimosso dal dispositivo, cambiare la password non sarà abbastanza, poiché l’hacker potrà rubartela nuovamente.

Per rimuovere un malware dal telefono, valuta l’idea di investire in un apposito software. L’ideale è optare per aziende affidabili e dalla solida reputazione, astenendosi dallo scaricare un’app antivirus qualunque. Se dopo questa operazione non hai ancora la certezza che il malware sia stato rimosso, potrebbe essere opportuno ripristinare le impostazioni di fabbrica. A seguito di questa procedura non avrai più alcun dato sul telefono, ma i malware verranno rimossi con certezza.

Se desideri contattare le autorità competenti in materia di malware su dispositivi mobili nel tuo paese o saperne di più sui malware, visita la pagina dell’Europol dedicata ai malware.


N26 e sicurezza

Per noi di N26, la sicurezza ha la massima priorità. Tutte le Mastercard N26 sono infatti protette dalla tecnologia 3D Secure. Inoltre, se dovessi individuare delle attività sospette sul tuo conto, potrai immediatamente bloccare la tua carta in app. E non finisce qui: grazie alle notifiche istantanee, avrai sempre il tuo conto sotto controllo. Dai un’occhiata ai nostri conti per trovare quello adatto alle tue esigenze.

Articoli simili all'argomento

Di N26

Love your bank

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi. Limitazioni alla nuova clientela N26. La Succursale Italiana di N26 è stata recentemente oggetto di un provvedimento da parte della Banca d'Italia.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...

Impara a distinguere le comunicazioni di N26 dai messaggi fraudolenti

I truffatori possono spacciarsi per rappresentanti di N26 con l’obiettivo di rubare i dati dei clienti. Scopri in che modo ti contatta N26 in modo da riconoscere eventuali truffe.

Una donna fa yoga nei boschi.

I nostri consigli per un 2023 all’insegna della sicurezza finanziaria

Ecco una serie di consigli semplici ed efficaci che ti aiuteranno a proteggere al meglio i tuoi dati e le tue finanze e creare nuove abitudini all’insegna della sicurezza finanziaria.

Dott.ssa Anastasia Kotovskaia, LL.M.

Cybersecurity e resilienza operativa: le sfide per il settore finanziario

La dottoressa Anastasia Kotovskaia, esperta di mercati finanziari, rivela come le aziende stiano rafforzando la sicurezza informatica e quali sfide normative si prospettino per il settore.