Preview of Spot the difference blogpost.

Trova le differenze: impara a riconoscere il linguaggio usato dai truffatori

La tua sicurezza è importante per noi. Ecco alcuni suggerimenti utili per aiutarti a evitare ogni tipo di frode informatica.

2' di lettura

Negli ultimi anni, il numero di frodi online è aumentato vertiginosamente. Phishing, smishing, vishing… ne avrai sicuramente già sentito parlare in diverse occasioni e potresti averli vissuti direttamente in prima persona. Ecco perché vogliamo darti alcuni suggerimenti che possano aiutarti a evitare le truffe e tenere al sicuro il tuo conto e la tua identità. 

Partiamo con una regola generale: fai sempre attenzione alle email, agli SMS e alle telefonate improvvise che ricevi da parte di chi dice di essere di N26. 

Noi di N26 non ti chiederemo mai dati personali al di fuori dell’app o della WebApp. Non ti chiederemo mai di effettuare una verifica via email, SMS o telefono, o di fornirci le tue credenziali di accesso, i dati della tua carta (numero della carta, CVC e data di scadenza) o il PIN di conferma. I tuoi codici di verifica e di associazione OTP vanno inseriti solo ed esclusivamente all’interno dell’app N26 o della WebApp.

Se hai un dubbio riguardo eventuali procedimenti di autenticazione e verifica, contatta sempre il nostro Supporto Clienti dall’app N26 prima di compiere qualsiasi azione! Fai sempre molta attenzione e non abbassare la guardia!

Esempio di SMS fraudolento

Esempio di SMS fraudolento.

Fai sempre molta attenzione! Gli SMS ufficiali di N26 arrivano solitamente dal mittente “AUTHMSG”, ma nel caso in cui tu voglia associare la tua carta N26 a un Wallet digitale, il mittente dell’SMS sarà “N26”: in quel caso, il tuo codice di associazione OTP va inserito solo ed esclusivamente nelle app di Google Pay o Apple Pay e non all’interno di link sospetti ricevuti via email o SMS.

Esempio di email fraudolenta

Screenshot di una email fraudolenta.

Quali sono gli indizi utili a riconoscere una comunicazione fraudolenta?

Le strategie dei truffatori sono in continua evoluzione, ma esistono alcuni indizi che possono aiutarti a riconoscere le comunicazioni degli scammer:

  1. Toni allarmanti e richieste di azioni da effettuare in fretta
  2. Piccoli errori grammaticali o destinatari generici
  3. URL errati o non riconducibili a N26
  4. Richiesta di informazioni personali o sul tuo conto, al di fuori di canali sicuri come l’app N26

I tuoi dati di accesso potrebbero essere richiesti soltanto nel caso in cui sia tu a contattare il Supporto Clienti, pertanto diffida sempre da chi si presenta a nome di N26 per richiederti questo tipo di informazioni, soprattutto tramite comunicazioni nelle quali ti viene richiesto di agire con urgenza. È molto importante che tu possa riconoscere le comunicazioni ufficiali di N26 in modo sicuro, per distinguerle da eventuali tentativi di frodi informatiche o telefoniche e proteggere il tuo conto. 

Ricorda: questi messaggi sono molto simili a quelli ufficiali di N26 e rispecchiano la nostra grafica e i contenuti. Non abbassare la guardia!

Pensi di aver subìto un attacco di phishing?

Contatta il nostro Supporto Clienti tramite chat dall'app N26, oppure inviaci un'email all'indirizzo support@n26.com. I nostri agenti sono disponibili per te 7 giorni su 7, dalle 7 alle 23.

Inoltre, ti preghiamo di inviare una copia del messaggio sospetto o di inoltrare l’email di phishing all'indirizzo: support@n26.com.

Di N26

Love your bank

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi. Limitazioni alla nuova clientela N26. La Succursale Italiana di N26 è stata recentemente oggetto di un provvedimento da parte della Banca d'Italia.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...

Impara a distinguere le comunicazioni di N26 dai messaggi fraudolenti

I truffatori possono spacciarsi per rappresentanti di N26 con l’obiettivo di rubare i dati dei clienti. Scopri in che modo ti contatta N26 in modo da riconoscere eventuali truffe.

Una donna fa yoga nei boschi.

I nostri consigli per un 2023 all’insegna della sicurezza finanziaria

Ecco una serie di consigli semplici ed efficaci che ti aiuteranno a proteggere al meglio i tuoi dati e le tue finanze e creare nuove abitudini all’insegna della sicurezza finanziaria.

Dott.ssa Anastasia Kotovskaia, LL.M.

Cybersecurity e resilienza operativa: le sfide per il settore finanziario

La dottoressa Anastasia Kotovskaia, esperta di mercati finanziari, rivela come le aziende stiano rafforzando la sicurezza informatica e quali sfide normative si prospettino per il settore.