emergency fund and rainy day fund image with cloud with euro rain drops.

Fondo di emergenza e fondo di riserva: ecco perché ne hai bisogno

Preparati ad affrontare eventuali imprevisti con tranquillità, mettendo da parte qualche risparmio per le emergenze.

12' di lettura

Risparmiare per un fondo di emergenza e un fondo di riserva è un ottimo modo per restare sereni davanti alle incertezze del futuro. Molti di noi sono abituati a vivere giorno per giorno e spesso mettiamo da parte risparmi che coprono a malapena l’equivalente di un mese di stipendio. Creare un fondo di risparmio, quindi, è fondamentale per non perdere di vista i tuoi obiettivi, non restare scoperti a fronte di spese improvvise ed evitare l'indebitamento. 

Ma quanti soldi bisognerebbe investire in un fondo di emergenza? E qual è la differenza tra questo metodo di risparmio e un fondo di riserva in cui mettere da parte risparmi? Scopriamolo insieme!


Cos'è un fondo di emergenza?

Un fondo di emergenza è un salvadanaio di risparmi che ti protegge dagli imprevisti della vita. Invece di dover fare affidamento sullo scoperto del tuo conto bancario o chiedere soldi in prestito per superare un periodo di particolare necessità economica, puoi attingere da questa riserva di risparmi senza preoccuparti dell'effetto a catena che potrebbe scatenarsi sul resto delle tue finanze.

Quali possono essere le situazioni di emergenza?

Un fondo di emergenza deve essere utilizzato solo in caso di un evento realmente imprevisto che richiede la tua urgente attenzione e un impegno economico di un certo tipo. Ecco alcuni esempi:

  • Se all'improvviso perdi il lavoro e la tua fonte di reddito
  • Se hai bisogno di far fronte a spese mediche improvvise
  • Se l'economia entra in recessione e perdi una quantità sostanziale di reddito
  • Se all'improvviso devi prenderti cura di un familiare malato.

Qual è la differenza con un fondo di riserva?

Un fondo di riserva è simile a un fondo di emergenza, ma la sua funzione è quella di far fronte a quelle piccole spese che possono coglierci impreparati. Queste spese occasionali possono verificarsi quando, per esempio:

  • Il tuo vecchio frigorifero si è rotto e devi acquistarne uno nuovo
  • Il tuo gatto ha bisogno di cure mediche e devi pagare le spese veterinarie
  • La tua auto ha bisogno di una riparazione
  • Hai smarrito o ti è stato rubato il tuo smartphone e devi acquistarne in fretta uno nuovo

Se da un lato tutte queste spese sono necessarie, dall'altro non sono così ingenti o drammatiche come quelle che ti costringerebbero ad attingere dal tuo fondo di emergenza. 


Quando devo iniziare a risparmiare per un fondo di emergenza e un fondo di riserva?

Risparmiare per un fondo di emergenza e un fondo di riserva significa assicurarsi un po' di serenità per il futuro. In questo modo, in caso di emergenze o imprevisti, le tue finanze non saranno una causa ulteriore di stress e potrai continuare a concentrarti su quello che è importante per te.

Per godersi quella tranquillità in più che deriva dalla consapevolezza di avere messo dei soldi da parte, trasferire qualcosa nel proprio conto appena possibile (o almeno una volta al mese, ad esempio quando arriva lo stipendio) è l’ideale, in modo da mantenere una sorta di flusso di cassa.

I vantaggi di un fondo di emergenza e un fondo di riserva

I vantaggi di un fondo di emergenza e un fondo di riserva sono inestimabili. Ecco perché: 

  • Ridurrai lo stress, perché saprai di poter contare su una solida base finanziaria
  • Svilupperai una mentalità impostata sul risparmio: un'adeguata preparazione per il futuro ti impedirà di prendere decisioni avventate nel breve termine
  • Un fondo di emergenza ti protegge anche dalla possibilità di attingere al tuo conto in caso di crisi, aiutandoti così a portare avanti i tuoi obiettivi di risparmio.

Fondo di emergenza: quanto devi risparmiare ogni mese?

Secondo gli esperti, l’ammontare ideale di un fondo di emergenza dovrebbe coprire dai tre ai sei mesi delle tue spese fisse mensili (compresi l'affitto, l’assicurazione, le bollette del gas e dell'elettricità). Mentre alcuni scelgono di includere nel budget del fondo di emergenza anche le loro spese variabili (costi per la spesa, per le uscite serali e l'intrattenimento in generale), creare una riserva di risparmi che equivalga a sei mesi dei propri costi fissi mensili è più comune e più semplice da gestire.

Tieni in considerazione il tuo stile di vita

Mettere da parte tre o sei mesi dei tuoi costi fissi dipende sia dai tuoi mezzi che dal tuo stile di vita attuale. Per chi vive da solo o ha una fonte di reddito variabile, come i liberi professionisti, potrebbe essere più sicuro optare per un risparmio equivalente a sei mesi. Questo perché la loro stabilità finanziaria è potenzialmente un po' più a rischio rispetto a quella di una famiglia composta da due persone (in cui si può fare da sostegno finanziario all’altro in caso di crisi) o rispetto a chi riceve una fonte di reddito più regolare.


Scopri N26 Spaces

Crea spazi separati dal tuo conto principale per risparmiare a modo tuo.
Scopri i vantaggi di un sottoconto
Diversi spazi N26 per risparmiare denaro.

Fondo di riserva: quanto bisognerebbe mettere da parte?

Un fondo di riserva deve contenere abbastanza denaro per coprire alcune piccole spese impreviste, ma questo dipende dalle singole circostanze. Le stime possono variare tra i 500 e i 2.500 €, ma ti consigliamo di essere previdente e mettere da parte almeno 1.000 €. Tieni però presente che, anche se 1.000 € possono sembrare sufficienti per coprire spese contenute come un nuovo elettrodomestico o una fattura imprevista del veterinario, questo importo potrebbe non essere sufficiente per affrontare entrambe le spese contemporaneamente.

Cerca di prevedere quanti soldi ti servono per il tuo fondo di riserva

Un ottimo modo per calcolare quanto devi mettere da parte per gli imprevisti è valutare la tua situazione attuale e prevedere eventuali spese future. Questo ti permetterà di capire se valga la pena risparmiare 500 € o anche di più. Le cosiddette spese prevedibili possono includere:

  • Il costo della riparazione dell'auto, se la tua macchina ha qualche annetto e presenta spesso problemi
  • Le fatture del veterinario, se hai un animale domestico avanti con l’età
  • Le fatture del dentista, se in passato hai dovuto affrontare interventi odontoiatrici frequenti
  • Il calcolo dell'età e la valutazione dell'operatività dei tuoi elettrodomestici essenziali, in particolare quelli che non sono più coperti da garanzia

Adesso che hai un'idea più chiara di quelle che possono essere le tue piccole spese impreviste, puoi calcolare meglio quanti soldi trasferire nel tuo fondo di riserva per prepararti al meglio.

Inizia a risparmiare nel tuo fondo di riserva prima di creare un fondo di emergenza

Dato che è più facile risparmiare per creare un fondo di riserva piuttosto che risparmiare per le emergenze, vale la pena concentrarsi su quest’ultimo prima di creare un fondo di emergenza. In realtà, è molto più probabile che attingerai al tuo fondo di riserva prima di utilizzare quello di emergenza. Le probabilità che il tuo frigorifero smetta di funzionare o che le tubature si rompano, infatti, sono più alte rispetto a emergenze improvvise come la perdita del lavoro o della casa. È quindi una buona idea avere a portata di mano un ammortizzatore per le piccole sorprese della vita. Per di più, questo ti aiuterà a non perdere di vista i tuoi obiettivi di risparmio.


Come creare un fondo di emergenza e un fondo di riserva

Creare e mantenere un fondo di emergenza e un fondo di riserva può sembrare scoraggiante all'inizio, ma se segui queste istruzioni sarà più facile di quanto sembri. Includendo queste voci al tuo budget mensile, risparmiare diventerà semplicemente un'abitudine. Ecco alcuni consigli, passo dopo passo, su come creare queste due tipologie di fondi:

Stabilisci un budget

Il primo passo per mettere da parte i soldi per un fondo di emergenza e un fondo di riserva è quello di. Se segui questi passaggi, sarai sulla buona strada per iniziare a risparmiare per un'eventuale emergenza:

  • Mantieni un registro di tutte le spese sostenute negli ultimi 30 giorni, prendendo nota di tutte le entrate e uscite
  • Fai una distinzione tra costi fissi e costi variabili: i costi fissi sono tutte quelle spese su cui hai poco potere decisionale (come affitto, rimborso dei debiti, assicurazione auto), mentre i costi variabili sono più flessibili (ad esempio spesa settimanale, soldi per le uscite serali, abbonamento alla palestra)
  • Decidi che percentuale dei tuoi costi variabili potresti investire ogni mese in un fondo di riserva e in un fondo di emergenza. Ad esempio, se guadagni 3.000 € al mese e i tuoi costi fissi ammontano a 2.000 € al mese, ti rimarranno 1.000 € al mese di spese da riservare ai costi variabili. Potresti decidere di risparmiare il 25% di tale somma, ovvero 250 € al mese. Avrai risparmiato più di 2.500 € entro la fine dell'anno, una somma che potrebbe costituire il tuo intero fondo di riserva, più una piccola parte da destinare al tuo fondo di emergenza.

Usa un calcolatore per definire quanto devi risparmiare

Se ti trovi in difficoltà quando si tratta di calcolare quanto mettere da parte ogni mese, ti consigliamo di usare un calcolatore per definire quanto risparmiare per le emergenze. Questi calcolatori sono facilmente reperibili online e ti aiuteranno a capire esattamente quanto ti rimane da aggiungere al tuo fondo di emergenza al netto di tutti i costi fissi. Ti suggeriamo però di cercare un calcolatore che ti permetta di inserire più variabili, in modo da avere una visione più realistica di quanti soldi puoi destinare ogni mese ai tuoi risparmi d'emergenza.

Cerca di risparmiare almeno un po'

È importante non scoraggiarsi, soprattutto nel caso in cui mettere da parte l'equivalente di sei mesi di costi fissi ti sembri un obiettivo troppo difficile da raggiungere. Mettere da parte qualcosina è sempre meglio di niente: ad esempio, se riesci a risparmiare 30 € a settimana, sono pur sempre 1440 € all'anno, una somma non da poco. Un'emergenza potrebbe verificarsi domani o non verificarsi affatto per i prossimi dieci anni, altrimenti non sarebbe un'emergenza. Se continuassi a risparmiare 30 € a settimana per i prossimi dieci anni, avresti a tua disposizione una somma di 14.400 € per proteggerti da qualsiasi crisi finanziaria!

Automatizza il risparmio

Una volta stabilito il budget, è bene fare in modo che risparmiare per il tuo fondo di emergenza o il tuo fondo di riserva diventi un'operazione automatica. Ti basterà impostare ogni mese un addebito diretto dal tuo conto corrente a quello per i tuoi risparmi. In questo modo, il tuo fondo crescerà in automatico e sarà più semplice resistere alla tentazione di spendere i tuoi risparmi.

Adatta il tuo budget mensile

È fondamentale essere flessibili con il proprio budget per mantenere alta la motivazione, visti gli inevitabili cambiamenti che possono verificarsi nelle proprie entrate e nelle uscite con il passare del tempo. Verifica ogni mese se puoi davvero permetterti di versare l'importo preventivato nel tuo fondo di emergenza o nel fondo di riserva. Forse riuscirai addirittura a mettere da parte un po' più del previsto!

Crea un budget di riserva

Un fondo di emergenza o un fondo salvadanaio devono essere utilizzati solo nei momenti di necessità, così come un budget di riserva. Quest’ultimo non è altro che un budget a cui puoi attingere quando i soldi scarseggiano in un momento di crisi. Copre tutti i costi fissi e forse è sufficiente per coprire le spese di base, ma niente di più.Questo significa che in un mese dovrai spendere il minimo possibile nella speranza che il tuo fondo di risparmio di emergenza, più l'eventuale liquidità supplementare generata dall'utilizzo del tuo budget di riserva, possa coprire i costi di un'emergenza immediata.

Festeggia i tuoi successi

Forse l'aspetto più piacevole di mettere da parte soldi per un fondo di emergenza o un fondo di riserva è quello di premiare sé stessi ogni volta che si raggiunge un traguardo importante. Mettiamo che tu decida di creare un fondo di emergenza di 6.000 €. Ogni volta che risparmi 1.000 €, ti potresti concedere un piccolo premio, come un nuovo e-book o l’abbonamento a un servizio di streaming online. È importante rendere piacevole questo processo di risparmio: questo ti aiuterà a rispettare i tuoi obiettivi senza troppi sforzi.

Dove custodire il tuo fondo di emergenza e il fondo di riserva

Il tuo fondo di emergenza e il tuo fondo di riserva devono essere custoditi in un luogo facilmente accessibile in un momento di crisi. Una banca digitale che offre un è la soluzione ideale, dato che ti permette di accedere al tuo denaro in tempo reale, ovunque ti trovi. È importante, inoltre, tenere questi fondi separati l'uno dall'altro e anche dal conto corrente che usi tutti i giorni, per evitare la tentazione di attingere a questi.

Come far crescere il tuo fondo di riserva e il tuo fondo di emergenza

Come la maggior parte delle cose che vale la pena fare, l'inizio è quasi sempre la parte più difficile.. Se hai difficoltà a far salire il saldo del tuo fondo di riserva e del tuo fondo di emergenza, ti suggeriamo alcuni ottimi modi per mettere da parte qualche soldo in più:

  • Aggiungi qualsiasi sgravo fiscale, bonus di lavoro o soldi che hai ricevuto come regalo direttamente nei tuoi fondi di risparmio
  • Guadagna qualche soldo extra vendendo online tutti gli oggetti che non utilizzi più. È anche un ottimo modo per mettere un po’ di ordine a casa!
  • Prendi in considerazione l'idea di trovare un lavoretto extra. Potrai usare questi soldi aggiuntivi per far crescere il tuo fondo di emergenza o il tuo fondo di riserva
  • Prova a ridurre le spese al minimo per un mese oppure, se è troppo difficile, stabilisci un giorno ogni settimana in cui non spendere nulla, a eccezione dei costi fissi necessari.

Il tuo denaro con N26

Con N26, risparmiare per un fondo di emergenza e un fondo di riserva è semplice. Grazie a puoi creare spazi separati dal tuo conto principale per organizzare il tuo budget e raggiungere tutti gli obiettivi di risparmio che vuoi. Con Spazi Condivisi, puoi anche creare spazi in comune per risparmiare e gestire le tue spese insieme ai tuoi amici o alla tua famiglia. Grazie alla funzionalità Statistiche hai a disposizione una panoramica completa delle tue spese mensili, in modo da avere tutto sotto controllo e. In più, grazie alla funzionalità Dividi le entrate, puoi accantonare automaticamente una somma ogni volta che ricevi un pagamento o lo stipendio e versarla automaticamente nel fondo di emergenza o nel fondo di riserva. Facile così, no?

Di N26

La banca che ti conquisterà.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...

Vuoi andare a vivere a Bologna? Scopri tutto sul capoluogo emiliano nella nostra guida alla città.

Una guida ai pregi e ai difetti della capitale partenopea.

Ottenere il proprio punteggio di affidabilità creditizia è essenziale (e semplice).