Come leggere la busta paga: una guida pratica

Scopri com’è strutturato il documento che indica nel dettaglio la tua retribuzione mensile.

5' di lettura

Ti è finalmente arrivato lo stipendio ma la somma che hai ricevuto è diversa da quella che ti aspettavi? Ti chiedi quanto versi in tasse e contributi ogni mese? Il documento contabile che il tuo datore ti invia a fine mese è molto spesso un concentrato di sigle, diciture e numeri complicati che non invoglia alla lettura, ma conoscere nel dettaglio il valore del tuo stipendio e dei tuoi contributi è molto importante. Per questo, abbiamo preparato una piccola guida su com’è strutturato questo prospetto e su come leggere una busta paga. 

Come funziona una busta paga

La busta paga è il documento che un datore di lavoro rilascia mensilmente al proprio dipendente per attestare il pagamento del lavoro svolto nell’arco di quel mese. Ma da cosa è composta la retribuzione e da chi viene decisa? 

Lo stipendio è influenzato da due categorie di elementi: 

  • le competenze (le somme dovute al dipendente), suddivise in parte fissa e parte variabile 

  • le trattenute (tasse e contributi), suddivise in fiscali e previdenziali.

La retribuzione viene solitamente stabilita in base al CCNL (Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro), e dipende dal tuo livello retributivo e dalle tue mansioni.

Sulla busta paga, quindi, puoi vedere se lo stipendio corrisponde al contratto che hai stipulato e, inoltre, controllare:

  • Quante ore di lavoro hai svolto

  • La quantità di contributi che hai versato

  • Se ha utilizzato permessi di lavoro oppure no

  • Quanti giorni di ferie hai accumulato

  • Eventuali bonus che hai ottenuto

  • Il suo stipendio lordo e netto.

In linea generale, la busta paga è composta da tre parti:

  • L’intestazione, che contiene le informazioni sul dipendente e sull’azienda

  • Il corpo centrale, che ti offre una panoramica sullo stipendio lordo

  • La conclusione, che include i valori progressivi annuali e mensili sulle trattenute previdenziali e fiscali, il TFR e lo stipendio netto.

Come si legge una busta paga: l’intestazione

Nell’intestazione della busta paga puoi trovare informazioni quali:

  • Il mese di retribuzione

  • I dati dell’azienda, ovvero il codice azienda, il codice fiscale/partita IVA, la ragione sociale, l‘indirizzo della sede legale e il numero di posizione INAIL e matricola INPS

  • I dati del dipendente: oltre ai tuoi dati anagrafici, la data di assunzione ed eventuale cessazione del rapporto (per contratti a termine).

In questa parte trovi anche la parte fissa della retribuzione, composta da:

  • Minimo tabellare (o paga base): il compenso minimo che spetta al dipendente in base al contratto collettivo di categoria applicabile e al livello o alla qualifica di inquadramento

  • Indennità di contingenza: importo di adeguamento del minimo all’inflazione (dal 2001 rimane fissa)

  • EDR (Elemento Distinto della Retribuzione): pari a 10,33 euro lordi mensili per tredici mensilità, viene erogato a tutti i dipendenti (fatta eccezione per i dirigenti)

  • Giorni di detrazione fiscale

  • Eventuali indicatori previsti dai CCNL di riferimento

  • Eventuali scatti di anzianità: si tratta di aumenti erogati in base all’anzianità di servizio del dipendente presso l’azienda. Vengono stabiliti dai CCNL e vengono calcolati – in cifra fissa oppure in percentuale – sulla paga base più l’indennità di contingenza.

  • Superminimo (se previsto):  importo aggiuntivo  che può essere stabilito sia all’atto dell’assunzione individuale (superminimo individuale) sia da contratti  collettivi (superminimo collettivo).

Leggere la busta paga: il corpo centrale

In questa sezione puoi vedere il calcolo dello stipendio lordo per il mese che hai svolto, che include la parte variabile della retribuzione: si tratta di varie voci che indicano le tue prestazioni nel mese di riferimento ed eventuali pagamenti specifici per quel mese.

In questa parte vengono indicati:

  • Straordinari

  • Prestazioni di lavoro fornite in giorni festivi o durante la notte

  • Indennità o retribuzione indiretta, ovvero: permessi di lavoro, giorni di malattia, congedo di maternità, infortuni, giorni di ferie goduti, ecc.

  • Premi di produttività

  • Anticipo TFR (trattamento di fine rapporto)

  • Quattordicesima.

Queste competenze (somme), assieme a quelle nell’intestazione, vanno a definire la tua retribuzione lorda (“Totale competenze”).

Offerta limitata!

Approfitta di bonifici istantanei, prelievi illimitati e carta zero spese per sempre.
Scopri la promozione e apri N26 Smart
Smart Hero (ALL EU) Text/Media Intro.

Come si legge la busta paga: le trattenute

Nella terza parte della busta paga, la parte più in basso, puoi trovare i numeri che riassumono i dati progressivi riguardanti le trattenute, che possono essere di due tipi: previdenziali e fiscali. Il datore di lavoro trattiene questi importi dalla busta paga per poi versarle agli enti preposti. In questa sezione, inoltre, puoi visualizzare i dati relativi al tuo TFR maturato e allo stipendio netto:

  • I contributi previdenziali sono i contributi all’INPS e all’INAIL: vengono pagati in parte dall’azienda e in parte dal lavoratore e servono per finanziare l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS) e l’Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro (INAIL). In busta paga puoi vedere solo i contributi versati da te. In busta paga vengono mostrati l’imponibile previdenziale e il totale contributi.

  • Sottraendo i contributi previdenziali dalla retribuzione lorda, si può risalire all'imponibile Irpef. I contributi fiscali vengono calcolati applicando l'aliquota Irpef a questo imponibile. Per calcolare i tuoi contributi fiscali (Irpef) va applicata una data percentuale (aliquota) all’imponibile Irpef, calcolata secondo il livello di reddito del lavoratore. Sulla busta paga puoi trovare l’imponibile fiscale, l’imposta lorda IRPEF, l’imposta netta IRPEF, le detrazioni d’imposta, il totale delle trattenute IRPEF e le addizionali IRPEF.

  • Il TFR include il TFR lordo annuo, che equivale alla somma di tutte le mensilità lorde maturate diviso 13,5 e l’imponibile TFR, pari alla somma di tutte le quote maturate anno per anno.

  • Stipendio netto (“Netto a pagare”): è l'ultima voce sulla busta paga e si tratta della retribuzione che effettivamente percepisci. Come accennato, viene calcolato dalla retribuzione lorda al netto degli oneri previdenziali e delle trattenute fiscali a carico del dipendente.

Il tuo denaro con N26

Lo sappiamo, leggere la busta paga può essere piacevole o meno, ma con questo articolo speriamo almeno di averti aiutato a farlo con maggiore semplicità. E se desideri la semplicità anche nel controllo sulle tue finanze, vieni a scoprire N26, la banca 100% mobile che ti permette di inviare, ricevere e gestire il tuo denaro direttamente da smartphone, dove e quando vuoi. Con il conto zero spese N26 Standard, ad esempio, oltre alla possibilità di addebitare il tuo stipendio, potrai disporre di pagamenti contactless e IBAN italiano per le tue operazioni quotidiane. La cosa più bella? Puoi aprire un conto in pochi minuti dal tuo smartphone, senza scartoffie e code alla filiale. Cosa aspetti? Dai un’occhiata ai nostri conti!

Di N26

La banca che ti conquisterà.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Uomo che cattura le note che lavorano con una calcolatrice e un computer portatile.

Retribuzione annua lorda: cos’è e come si calcola

Cosa s’intende per retribuzione annua lorda? E come si calcola? Scopri i vari componenti e confronta retribuzione annua lorda e tariffa oraria.

Cosa sono gli NFT?

Una GIF del valore di 600.000 €? Un tweet che vale milioni di euro? Continua a leggere per scoprire tutto quello che devi sapere sugli NFT.

Uomo che cattura le note che lavorano con una calcolatrice e un computer portatile.

Stipendio: cos'è e come si calcola

Lo stipendio è il denaro che ricevi per svolgere un lavoro. Ma non finisce qui: la nostra definizione completa ti spiega anche come calcolarlo e a quali aspetti dovrai prestare attenzione.