Primo piano delle mani di una donna che controlla il suo smartphone.

Come evitare le truffe sui bonifici bancari

Vuoi sapere come fare a riconoscere ed evitare le truffe sui bonifici bancari? Continua a leggere per scoprire come proteggere le tue finanze e la tua azienda.

6' di lettura

Negli ultimi anni, il numero di aziende che ha subito almeno un tentativo di truffa tramite bonifico bancario è aumentato in modo esponenziale, soprattutto durante la recente crisi sanitaria globale. Vuoi sapere come riconoscere le truffe sui bonifici bancari per proteggere le tue finanze e la tua azienda? Continua a leggere e scopri come fare.

Cosa sono le truffe con bonifico bancario?

Le truffe con bonifico bancario sono un tipo di frode finanziaria che colpisce aziende o privati, in cui il denaro viene trasferito su un conto bancario detenuto da un criminale informatico. Per indurre la vittima a trasferire il denaro, i truffatori spesso si spacciano per una persona reale o utilizzano un marchio o un nome commerciale senza autorizzazione.

Esistono diversi tipi di truffe su bonifico bancario:

Frode del falso fornitore o truffa del conto bancario. In primo luogo, i truffatori raccolgono informazioni sui fornitori di un'azienda e sulla persona di contatto che si occupa di effettuare i bonifici bancari dell'azienda. In seguito, contattano il responsabile dei pagamenti informandolo del fatto che le coordinate bancarie del fornitore siano cambiate. L'azienda colpita inizia quindi a effettuare bonifici bancari sui “nuovi conti dei fornitori”, che in realtà sono i conti dei criminali.

Frode del falso presidente. Questo tipo di truffa avviene quando i criminali si fingono l'amministratore delegato di una grande azienda e contattano uno degli impiegati dell’ufficio contabilità della stessa società, richiedendo un bonifico bancario urgente e utilizzando tecniche di ingegneria sociale.

Phishing. Il phishing è una delle truffe online più comuni, che colpisce anche le aziende. Con questo tipo di frode, vengono raccolti dei dati personali per rubare un'identità e utilizzarla per compiere altre truffe. Il phishing in questi casi rappresenta solo l’inizio: i criminali recuperano le informazioni per poi commettere un tipo di truffa differente, come ad esempio quella del “falso CEO”.

Phishing: cos’è e come evitarlo | N26

Frode interna. Le truffe sui bonifici bancari possono essere realizzate anche all’interno dell’azienda, tramite una persona che ha accesso a una serie di dati sensibili e decide di utilizzarli per effettuare bonifici fraudolenti. Corruzione, appropriazione indebita di beni, fatturazione eccessiva ed errori di cassa sono esempi di frodi interne che possono costare alle aziende buona parte del fatturato ogni anno.

La sicurezza in N26

La tua sicurezza è la nostra priorità. Segui i nostri consigli per proteggerti online.
Mano che tiene una carta di debito aziendale N26.

Che cos'è la frode APP?

APP è l'acronimo di "Authorized Push Payment", un'altra strada percorribile dai truffatori. Una truffa APP comporta il trasferimento di una somma di denaro su un conto fraudolento. In altre parole, si tratta di un ordine di bonifico falsificato. Nella maggior parte dei casi, i criminali ricorrono al furto d'identità, spacciandosi per uno dei seguenti soggetti:

  • Un fornitore
  • Un dipendente
  • Un manager

Le truffe APP possono colpire anche i privati

Le truffe con bonifico bancario non colpiscono solo le aziende. Come nel caso delle frodi con carte di debito, anche i privati possono essere vittime di truffe con bonifici bancari.

I criminali utilizzano questo tipo di truffa per sottrarre denaro alle persone fingendosi uno dei loro creditori (fornitore di energia elettrica, padrone di casa, autorità fiscali, ecc.). Lo scenario è sempre lo stesso: il truffatore si spaccia per un creditore e dichiara che le coordinate bancarie aziendali sono cambiate, oppure può chiedere alla vittima di effettuare un bonifico d'emergenza.

In questi casi, i truffatori possono contattarti per telefono, email o SMS. Fai sempre molta attenzione prima di fornire i tuoi dati personali o di effettuare un bonifico e assicurati che la persona che ti sta contattando non sia un truffatore.

Come riconoscere i tentativi di truffa con bonifico bancario

Fortunatamente, esistono vari metodi per identificare un tentativo di truffa con bonifico e proteggere le proprie finanze. Ecco 5 semplici consigli per aziende e privati che ti aiuteranno a non cadere nella trappola dei criminali informatici:

  • Quando ti viene richiesto di effettuare un bonifico bancario a terzi, ad esempio per pagare una fattura o un servizio, ricordati di chiedere sempre le coordinate bancarie, soprattutto nei casi in cui la richiesta ti sembra insolita.
  • In generale, fai molta attenzione alle coordinate bancarie provenienti da paesi extraeuropei, poiché i truffatori utilizzano spesso conti internazionali.
  • Verifica l'attendibilitàdelle informazioni ricevute via email o per posta. Errori di ortografia, nomi di dominio con errori di battitura (il cosiddetto typosquatting) ed estensioni di dominio insolite (cybersquatting) sono tutte caratteristiche comuni alle truffe di bonifici bancari.
  • Non aprire gli allegati con un'estensione sconosciuta (.scr o .cab ad esempio), soprattutto se hai dei dubbi sulla credibilità del mittente.
  • Nel caso di frodi mirate a un'azienda, verifica sempre la legittimità della richiesta direttamente con l'organizzazione, utilizzando il numero di telefono abituale del fornitore o del creditore. Questo è particolarmente importante se si tratta di una richiesta di dati sensibili, come nuovi dati bancari. Non utilizzare i contatti citati direttamente nella richiesta, perché probabilmente sono falsi.

Per imparare a riconoscere ogni tipo di frode e di truffa finanziaria, dai un’occhiata alla nostra guida dedicata.

Come proteggersi dalle truffe APP e dalle frodi sui bonifici bancari

La prevenzione è essenziale se si vuole stare un passo avanti ai truffatori online. Le frodi informatiche tendono ad aumentare soprattutto in periodi turbolenti, come una crisi sanitaria o finanziaria globale, poiché le vittime tendono a essere più distratte e stressate.

Per proteggere le tue finanze e la tua azienda da questo tipo di truffe, ti forniamo una serie di pratiche che ti aiuteranno a evitare situazioni finanziarie indesiderate:

  • Predisponi delle procedure di verifica e autenticazione per le richieste di bonifici bancari che sembrano insolite o per l'aggiornamento dei dati bancari
  • Investi in un solido software antivirus
  • Educa i dipendenti dell'azienda a utilizzare password uniche e sicure
  • Imposta l'autenticazione a due fattori per l'accesso alle email
  • Affida la gestione finanziaria dell'azienda a diverse persone chiaramente riconosciute, in modo da evitare ogni tentativo di frode interna
  • Acquista i nomi di dominio simili al nome dell'azienda, per evitare il cybersquatting e il typosquatting
  • Proteggi i dati personali dei dipendenti che si occupano di bonifici bancari, soprattutto online e sui social media

Cosa fare in caso di frode con bonifico bancario

Siete stati vittima di una truffa APP o di una frode sui bonifici bancari? Adotta queste misure il più rapidamente possibile per limitare i danni:

  • Identifica i trasferimenti verso conti fraudolenti
  • In caso di furto di identità via email, modifica immediatamente la tua password
  • Contatta l'organizzazione responsabile delle operazioni finanziarie della tua azienda per annullare o impedire i trasferimenti. Sei un privato? Contatta immediatamente la tua banca
  • Se la transazione è già stata effettuata, puoi provare a richiedere un rimborso per frode sul bonifico. Fai molta attenzione perché per i bonifici all'estero questa procedura può essere molto complicata, se non impossibile
  • Raccogli il maggior numero di informazioni sul truffatore: indirizzi email, siti web, ordini di bonifico, lettere e fatture inviate in modo fraudolento
  • Presenta una denuncia alla Polizia Postale

A seconda dell'esatta natura della truffa, le frodi con bonifici bancari possono essere classificate come segue:

  • Truffa, punibile con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e una multa da 51 a 1.032 €
  • Furto d'identità, punibile con la reclusione da 1 a 6 anni e una multa da 600 a 3.000 €
  • Accesso abusivo a un sistema informatico o telematico, punibile con la reclusione fino a 3 anni

Il conto corrente per gestire più facilmente il tuo budget

Effettua le tue operazioni bancarie e metti soldi da parte senza pensieri. Semplice, sicuro, smart: scopri il conto corrente con IBAN italiano che ti offre pieno controllo del tuo denaro
Lista d'attesa (nuova tabella)
Smart Hero (ALL EU) Text/Media Intro.

Per proteggere al meglio le tue finanze e la tua identità digitale, visita il sito web di N26 dedicato al tema della sicurezza e scopri tutto ciò di cui hai bisogno per evitare ogni tipo di frode.

Articoli simili all'argomento

Di N26

La banca che ti conquisterà.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi. Limitazioni alla nuova clientela N26. La Succursale Italiana di N26 è stata recentemente oggetto di un provvedimento da parte della Banca d'Italia.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Uomo che tiene un passaporto in mano.

La sicurezza quando si apre un conto N26: come ci assicuriamo che i tuoi dati siano protetti

Quando apri un conto N26, seguiamo metodi di sicurezza molto avanzati per proteggere l’identità dei nostri clienti.

Logo N26 su sfondo turchese.

Pharming: cos'è e come restare all'erta

Il pharming è una forma particolarmente sottile di phishing. Di seguito scoprirai come funziona e quali sono i modi migliori per contrastarlo.

Come proteggere il tuo smartphone dagli hacker

Potresti non accorgerti di quanto scarsamente protetto sia il tuo smartphone finché non è ormai troppo tardi. Ecco come salvaguardare il tuo iPhone o Android e tenere i tuoi dati al sicuro.