I paesi che offrono visti per nomadi digitali stanno aumentando sempre di più, ed è sempre più facile lavorare in smart working girovagando per il mondo. Questo perché i cosiddetti nomadi digitali aumentano continuamente, e diversi paesi si stanno adattando per offrire ai cittadini la possibilità di lavorare all’interno del paese senza necessariamente avere la residenza sul posto.

Se sai già cos’è il Digital Nomad Visa e come funziona, sai benissimo che questo consente di stabilirsi in un paese per un periodo superiore a 90 giorni e di lavorare da remoto come freelance o come dipendente, senza dover cercare lavoro in loco.

Tuttavia, non sempre i paesi che offrono visti per nomadi digitali dispongono delle giuste infrastrutture tecnologiche e di una buona connessione internet per lavorare in modo efficiente. Inoltre, alcune località potrebbero risultare poco stimolanti, troppo care o poco interessanti dal punto di vista culturale. 

Per aiutarti a scegliere, abbiamo creato una guida dettagliata in cui ti mostreremo quali sono i paesi con visti per nomadi digitali più popolari in Europa, così da poter scegliere secondo le tue esigenze specifiche.

Scopri N26 Business

Il conto business zero spese perfetto per gestire al meglio la tua attività da freelance.
Lista d'attesa (nuova tabella)
Mano che tiene una carta di debito aziendale N26.

Posso lavorare come nomade digitale in Europa? Come funzionano le tasse?

Per diventare nomadi digitali bisogna rispettare una serie di regole e requisiti che permettono di ottenere il Digital Nomad Visa, ovvero il visto richiesto per poter lavorare da remoto in un paese straniero senza il classico limite di 90 giorni previsto dal visto turistico. 

Per quanto riguarda l’Europa, il requisito principale è quello di essere cittadini Extra-UE,dato che i cittadini europei non necessitano di alcun tipo di visto. A questo si aggiungono altri elementi, come il possesso di un lavoro da remoto o di un’attività da freelance, e vari documenti che attestano la propria situazione reddituale e fiscale.

Se ti stai chiedendo se i nomadi digitali pagano le tasse in Europa, la risposta è sì. Tuttavia, come abbiamo spiegato nella nostra guida sul Digital Nomad Visa, è meglio richiedere ulteriori informazioni a un commercialista. Questo perché il paese di origine potrebbe richiedere il pagamento delle tasse anche oltre i propri confini.

Destinazioni popolari che offrono visti per nomadi digitali

Sono ormai tantissimi i paesi che offrono visti per nomadi digitali in Europa ed è possibile scegliere tra diverse mete per iniziare la propria carriera da smart-worker e visitare luoghi incantevoli mai visti prima.

Tra le destinazioni più popolari che offrono il Digital Nomad Visa ci sono:

  • Portogallo
  • Croazia
  • Repubblica Ceca
  • Estonia
  • Germania
  • Ungheria
  • Grecia
  • Italia
  • Malta
  • Romania
  • Spagna
  • Norvegia
  • Armenia
  • Georgia
  • Islanda
  • Montenegro
  • Paesi Bassi
  • Lettonia

Va sottolineato che ogni paese ha i suoi requisiti in termini reddituali e che il costo del permesso può variare a seconda della meta selezionata. Di seguito elencheremo alcuni dettagli importanti relativi ai paesi più gettonati dai nomadi digitali.

Portogallo

Dal 30 ottobre 2022, il Portogallo ha aperto le porte al Digital Nomad Visa Program, un programma il cui obiettivo è quello di consentire ai lavoratori digitali di vivere un’esperienza unica in una terra immersa nella natura, dove poter apprezzare paesaggi mozzafiato e dell’ottimo cibo locale.

La cosa più importante da sapere per chiedere il visto per nomadi digitali in Portogallo è che bisogna avere entrate pari a 4 volte lo stipendio minimo del paese, ovvero di almeno 3.040 €. Potrebbe sembrare una richiesta eccessiva, ma questo permette al paese di ospitare lavoratori che contribuiranno ad accrescere l’economia del posto. 

Inoltre, è da specificare che il visto per nomadi digitali in Portogallo si divide in due categorie: un visto di breve periodo, utilizzabile per un soggiorno fino ad un anno, e il Residency Permit, che permette di stare sul posto per 2 anni e di rinnovare il visto fino a 5 anni al termine della prima permanenza.

Se si opta per la seconda soluzione, dopo il quinto anno è possibile richiedere una residenza permanente e la cittadinanza portoghese, consentendo quindi al lavoratore di valutare con calma quale strada intraprendere. Questo rappresenta un vantaggio per i cittadini Extra-UE, dato che con la cittadinanza portoghese è possibile vivere, lavorare e studiare in qualsiasi paese dell’Unione Europea. 

Requisiti, documentazione e costi per il visto in Portogallo

La richiesta del visto per nomadi digitali in Portogallo può essere fatta presso il consolato portoghese o presso l’ufficio immigrazione del paese.

Quanto ai documenti necessari, bisogna disporre di:

  • Prove di reddito degli ultimi 3 mesi
  • Documenti di residenza fiscale
  • Contratto di lavoro o prove del possesso di un’attività autonoma

Tra le condizioni per l’ottenimento del visto, invece, citiamo:

  • Reddito di almeno 3,040 €
  • Prove che dimostrano il possesso di un lavoro da remoto

Infine, per quanto riguarda i costi e la tassazione, il prezzo per il Digital Nomad Visa è di circa 180 € a seconda del paese di provenienza, a cui vanno aggiunti 320 € per il permesso di residenza quando si arriva sul posto.

Per la tassazione, invece, è bene sapere che le tasse possono essere molto elevate e raggiungere fino al 48% dello stipendio. Nonostante ciò, è possibile richiedere il Non-Habitual-Residence Tax Regime (NHR), in modo da essere esenti dai redditi esteri e pagare le tasse nel proprio paese di origine. 

Grecia

Similmente al Portogallo, la Grecia è uno dei paesi con smart working e visti per nomadi digitali più gettonati grazie al suo clima mediterraneo e alle sue splendide spiagge e località incontaminate dall’uomo. 

Tra i vari vantaggi di questo paese ci sono:

  • Cucina mediterranea tra le più famose al mondo
  • Grande comunità inglese che permette di comunicare senza difficoltà
  • Tasse ridotte rispetto ad altre località europee
  • Basso costo della vita e buone infrastrutture sanitarie

Non è un caso quindi che, oltre a essere un’amata meta turistica, la Grecia sia anche una delle località più apprezzate tra i nomadi digitali. 

Requisiti, documenti e costi per il visto in Grecia

Per quanto riguarda i requisiti per ottenere il visto per nomadi digitali in Grecia bisogna rispettare i seguenti criteri:

  • Essere cittadini Extra-UE
  • Avere documenti che attestino il proprio lavoro da nomade digitale, che deve essere svolto completamente online
  • Avere documenti che attestino un contratto di lavoro con compagnie registrate fuori dalla Grecia o il possesso di un’attività
  • Avere uno stipendio minimo di almeno 3.500 €

Le spese relative alla richiesta del visto per nomadi digitali in Grecia sono di 75 € per l’invio della domanda e di 150 € per coprire le spese amministrative. Per le tasse, invece, è possibile chiedere l’esenzione se si rimane nel paese per un periodo inferiore a 6 mesi. In seguito, si dovranno pagare in base al proprio reddito.

Malta

Dal 2021, Malta ospita un gran numero di nomadi digitali che, in questa località marittima e dallo spirito internazionale, contribuiscono alla crescita dell’economia e della multiculturalità.

Il Digital Nomad Visa di Malta fa parte del Malta Nomad Residence Permit Program, che consente di trasferire temporaneamente la propria residenza sull’isola a condizione che non si abbia una cittadinanza europea o non si faccia parte dell’Area Economica Europea.

Il visto è valido per un anno, ma i cittadini non europei possono estenderlo nel caso in cui vengano rispettati i requisiti dettati dal governo. 

Tra i vantaggi esclusivi di Malta rispetto agli altri paesi ci sono:

  • Diffusione dell’inglese come lingua principale
  • Possibilità di accedere alla doppia tassazione
  • Clima piacevole tutto l’anno
  • Ottime infrastrutture tecnologiche e connessione Internet 5G
  • Presenza di una forte comunità di nomadi digitali

A questo si aggiungono le fantastiche spiagge che circondano l’isola, che attirano migliaia di visitatori tutto l’anno, oltre al fatto che Malta si trova a pochissimi chilometri di distanza dall’Italia.

Requisiti, documenti e costi per il visto a Malta

Per quanto riguarda i requisiti per ottenere il visto per nomadi digitali a Malta bisogna rispettare i seguenti criteri:

  • Avere un’entrata di almeno 2.700 € al mese
  • Avere una cittadinanza Non-UE o non-EEA
  • Avere un lavoro in un’azienda estera (fuori da Malta) o essere un freelance con un’attività registrata presso un paese estero
  • Avere un’assicurazione sanitaria o comunque essere in grado di provvedere alla copertura delle spese in autonomia

In merito ai costi per la richiesta del Digital Nomad Visa, la commissione è di 300 €. Inoltre, è possibile aggiungere i propri familiari alla richiesta pagando 300 € in più per ogni membro, in modo da riuscire a passare del tempo con la famiglia anche durante la propria avventura da nomadi digitali. 

Invia denaro con Wise

Effettua bonifici in valuta estera dall'app N26 in modo semplice, veloce e sicuro.

Consigli utili prima di diventare nomadi digitali

Adesso che conosci i paesi con visti per nomadi digitali più popolari in Europa, non ti resta che seguire tutti i buoni consigli per trasferirsi all’estero. La prima cosa da fare è un calcolo delle spese da affrontare per il viaggio, considerando elementi come:

  • Costo del biglietto
  • Prezzo per l’aggiunta dei bagagli
  • Costo dell’affitto
  • Costo per le spese iniziali, tra cui caparra, bollette, registrazione delle utenze, spesa alimentare, prodotti per l’igiene, ecc.
  • Eventuali assicurazioni sanitarie
  • Costo della vita nel nuovo paese

Un ulteriore consiglio utile per monitorare le spese e avere un rendiconto in tempo reale di tutte le entrate e uscite è aprire un conto corrente in Europa. D’altronde, ci sono molte alternative valide sul mercato che consentono di gestire le spese in modo efficiente a costi ragionevoli.

Inoltre, sono disponibili soluzioni innovative che includono funzioni specifiche per nomadi digitali, lavoratori freelance e imprenditori che vogliono ottimizzare il proprio tempo. Ad esempio, N26 dispone di 4 funzionalità smart pensate per i nomadi digitali, che consentono di effettuare pagamenti all’estero, accedere a una copertura assicurativa e risparmiare in modo semplice.


Diventa nomade digitale con N26

Con l’ascesa delle nuove tecnologie e la possibilità di lavorare da qualsiasi angolo del pianeta, i paesi si stanno evolvendo sempre di più per soddisfare le esigenze dei lavoratori che vogliono essere produttivi, ma anche svincolati dal classico lavoro d’ufficio.

Hai già preparato tutto per il viaggio ma non sai come tenere traccia delle tue spese? I conti N26 offrono una serie di funzionalità pensate per semplificare la vita di coloro che girano per il mondo.

Ad esempio, con un conto N26 You o N26 Metal, puoi prelevare presso qualsiasi sportello ATM gratuitamente e accedere a vantaggi esclusivi come assicurazioni e protezioni sugli acquisti. Dai un’occhiata ai nostri conti.

Articoli simili all'argomento

Di N26

Love your bank

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi. Limitazioni alla nuova clientela N26. La Succursale Italiana di N26 è stata recentemente oggetto di un provvedimento da parte della Banca d'Italia.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Illustrazione nie.

Il NIE in Spagna: tutte le risposte alle tue domande

Per gli expat in Spagna, sapere cos'è il NIE è fondamentale. Con questa guida, risponderemo a tutte le tue domande riguardo al NIE e ti spiegheremo come ottenerlo.

Una donna su una scrivania che scrive su un taccuino.

Cos'è il Digital Nomad Visa? Vivere da nomadi digitali

Il Digital Nomad Visa è un permesso che consente di lavorare come nomadi digitali in un Paese fino a 12 mesi. In questa guida ti spieghiamo come funziona e come lavorare in giro per il mondo.

Mappa dell'Europa con perni.

Come aprire un conto corrente in Europa

Ti trasferisci in Europa? Ecco come aprire un conto corrente in una banca locale.