Mani al lavoro su un computer portatile.

Lavoro digitale: guida alle professioni del futuro

Scopri in quale direzione la tecnologia sta portando il mondo del lavoro.

5' di lettura

Agenda Digitale stima che la trasformazione digitale cambierà con cicli di 3-5 anni il mercato del lavoro e modificherà il panorama lavorativo in maniera evidente. Per essere competitivi, è molto importante adeguarsi a questa digitalizzazione dell’impiego. Quali sono, dunque, le professioni e le competenze più richieste al momento? E qual è la tendenza per il futuro? Abbiamo riunito le informazioni più rilevanti sul tema: vediamole insieme.

Il presente: competenze informatiche e comunicative con un occhio all’ambiente

IFOA pone come priorità per le aziende nell’immediato futuro la trasformazione digitale e l’ecosostenibilità.

Nel campo della trasformazione digitale, le imprese dovranno lavorare per creare e mantenere aggiornata, competitiva e chiara la propria identità sul web. Per quanto riguarda il passaggio all’Economia Verde, che ha come obiettivo l’equilibrio tra sistema produttivo e impatto ambientale, nasceranno figure professionali appartenenti ai cosiddetti green jobs: quelli che l’UNEP (United Nations Environment Programme) ha definito come “occupazioni nei settori dell’agricoltura, del manifatturiero, nell’ambito della ricerca e sviluppo, dell’amministrazione e dei servizi che contribuiscono in maniera incisiva a preservare e/o restaurare la qualità ambientale”. Ovvero, professionisti dell’ecosostenibilità che permetteranno alle realtà imprenditoriali di svolgere la propria attività nel rispetto dell’ambiente.

Due campi in cui l’innovazione e il digitale saranno fondamentali, oltre al settore digitale vero e proprio, sono quelli sanitario e quello dei trasporti e della logistica. Abbiamo visto tutti come la pandemia abbia messo in evidenza la carenza di figure professionali sanitarie: il Recovery Plan ha stanziato 20 miliardi per rafforzare il sistema sanitario, ponendosi obiettivi come la digitalizzazione dell’assistenza sanitaria e l’ammodernamento tecnologico. L’automazione nel campo della logistica, d’altra parte, rivestirà un’importanza sempre maggiore in ottica di aumento della produttività e, se da un lato questo potrebbe portare alla scomparsa di alcuni lavori, in futuro serviranno sempre più dipendenti specializzati a supporto delle migliorie tecnologiche e dei sistemi informatici.

Seguendo IFOA e la società di consulenza Spring Professional, tra le figure che sono, o a breve lo saranno, più richieste ci sono:

  • Esperti di analisi dei dati e specialisti in Big Data
  • Ingegneri informatici, esperti di coding e cyber security
  • Professionisti dell’intelligenza artificiale, programmatori IA e ingegneri robotici
  • Esperti di analisi di mercato
  • Esperti di e-commerce
  • Figure nel campo della comunicazione e del marketing digitale: Social Media Specialist, Seo Specialist, Digital Marketing Specialist
  • Professionisti nel campo del miglioramento dell’esperienza di navigazione: User Experience/User Interface Designer
  • Ingegneri ambientali e promotori edili di materiali sostenibili
  • Giuristi ambientali  e specialisti in contabilità verde
  • Meccatronici e meccanici industriali (in prospettiva ecosostenibile)
  • Operatori socio-sanitari e addetti alla cura della persona

Il futuro: un mondo del lavoro che punterà a competenze professionali con skill digitali non ancora definite

 

Nell’ultimo decennio, il mondo del lavoro è profondamente cambiato grazie a internet e al digitale, tanto che già nel 2015 Il Sistema europeo di analisi strategica e politica (ESPAS), all’interno del suo report sulle tendenze globali fino al 2030, non aveva escluso che le nuove tecnologie avrebbero potuto innescare una terza rivoluzione industriale e, di conseguenza, modificare i modelli aziendali e gli equilibri economici a livello internazionale. Detto questo, il Digital Economy and Society Index (DESI) 2020 dell’UE, che ha analizzato i dati dell’anno precedente, ha posizionato l’Italia al venticinquesimo posto in quanto a digitalizzazione: nel Paese, infatti, nel 2019 scarseggiavano le competenze digitali e l’implementazione di tecnologie avanzate. 

Il 2020, come sappiamo, ha costretto la società e il mondo del lavoro a porre il digitale tra le priorità più urgenti e il Governo stesso ha preso atto dell’importanza della tecnologia nella vita di tutti i giorni: il piano “Next Generation”, conosciuto anche come Recovery Plan, prevede di stanziare più di 40 miliardi di euro nel campo della trasformazione digitale e della cultura. 

Cosa significherà questo a livello di opportunità lavorative? Grazie alla tecnologia, nel prossimo futuro potrebbero nascere mansioni che al momento non conosciamo. Il World Economic Forum, infatti, ha stimato che il 65% dei bambini che stanno iniziando le scuole elementari svolgeranno lavori che ancora non esistono. D’altronde, chi avrebbe mai immaginato, una decina di anni fa, che ci si sarebbe potuti guadagnare da vivere come YouTuber o influencer? Secondo il Dossier 2020 di Unioncamere e ANPALS, il 60% dei lavori ancora sconosciuti emergeranno nei prossimi 5 anni.

Competenze professionali, digitali, comunicative nel CV: alcuni esempi di skill utili

Ma quali sono le competenze più richieste nel lavoro digitale? Secondo l’Observatory Barometer 2020 del gruppo Cegos, che ha intervistato professionisti delle risorse umane e dipendenti di 4 paesi tra cui l’Italia, per i professionisti di HR si tratta di queste tre:

  • Capacità di adattamento
  • Comunicazione digitale
  • Remote management

I dipendenti italiani intervistati, a loro volta, hanno elencato tra le competenze che vorrebbero migliorare:

  • Organizzazione efficace delle attività
  • Imparare ad imparare 
  • Agilità e capacità di adattarsi 
  • Creatività e propensione all’innovazione.

Le aziende sembrano quindi puntare sulle soft skill in un’ottica di formazione continua e di flessibilità, per arrivare ad una sorta di ibridismo sul mondo del lavoro. Secondo lo studio predittivo di EY, Parson e Manpower Group, infatti, avverrà un’evoluzione non lineare delle professioni, che prenderà tre forme:

  • Verranno creati lavori che prima non esistevano tramite la fusione di più professioni, come i meccatronici.
  • La sparizione di vecchi mestieri a vantaggio di nuovi: ad esempio, le guide turistiche in progettisti di visite ed eventi virtuali. 
  • Mutazione: una professione viene influenzata da alcuni tratti caratteristici di altre. Ad esempio, la figura del giornalista si avvicinerà a quella del content creator digitale.

N26 ti accompagna nel futuro

 Lavorare nel settore digitale richiede competenze trasversali che molto spesso contrastano con il mondo analogico di tutti i giorni. N26 è la banca 100% digitale che ti offre operazioni da smartphone in totale comodità, in qualunque momento e ovunque. Niente code agli sportelli o mille documenti da firmare: siamo la banca mobile del 21° secolo che offre conti per privati, liberi professionisti e freelance. Cosa aspetti? Vieni subito a scoprire i nostri conti

Articoli simili all'argomento

Di N26

Love your bank

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali ed economiche fare riferimento ai fogli informativi. Limitazioni alla nuova clientela N26. La Succursale Italiana di N26 è stata recentemente oggetto di un provvedimento da parte della Banca d'Italia.

Articoli correlati

Ti potrebbero anche interessare...
Tavolo con fiori a un matrimonio.

Come godersi la stagione dei matrimoni senza spendere troppo

Dagli abiti ai regali, fino alle feste di addio al nubilato o celibato: i matrimoni possono avere un costo elevato, anche per gli invitati. Ecco come risparmiare senza rinunciare al divertimento.

Una persona con un gatto sul divano rosa.

In solitaria, con i tuoi cari o con il tuo amico a quattro zampe: festeggia San Valentino a modo tuo

Il giorno di San Valentino puoi celebrare l’amore in tanti modi diversi, qualunque sia la tua situazione sentimentale.

Un gruppo di amici siede su una panchina all'aperto.

Come iniziare a risparmiare insieme

Risparmiare in vista di un nuovo acquisto può risultare complicato, ma se l’obiettivo di risparmio è condiviso la motivazione aumenta... e anche il divertimento!